Moto2 | Manzi: “Eccitato di fare parte di un progetto così ambizioso”

Manzi e Aegerter sono intervenuti alla presentazione della nuova MV Agusta F2

Moto2 | Manzi: “Eccitato di fare parte di un progetto così ambizioso”Moto2 | Manzi: “Eccitato di fare parte di un progetto così ambizioso”

Stefano Manzi e Dominique Aegerter sono i due piloti scelti da MV Agusta Forward Racing Team per riportare nel motomondiale l’iconico brand italiano dopo ben quarantadue anni di assenza.

Il morale è decisamente alto in seno alla squadra, perché nonostante la nuova F2 sia nata da un foglio bianco, ha dimostrato di non essere troppo lontana dai top rider nei primi test di Jerez de la Frontera, come ci spiega Aegerter: “Il primo approccio con la moto è stato molto positivo. Ciò è stato molto importante perché ho portato con me questa positività per tutto l’inverno e ho potuto prepararmi al meglio per la nuova stagione. Sono prontissimo per scendere in pista per la prima corsa in Qatar”.

“Visti i buoni risultati dei test, in cui non eravamo molto lontani dai primia, un obiettivo realistico per la stagione può essere quello di stare più vicino possibile ai primi a inizio stagione, per poi piano piano avvicinarsi fino ad arrivare a giocarcela nel gruppetto di testa nel finale di stagione. Per me sarà tutto nuovo, sia la moto sia la squadra, ma i ragazzi sono competenti e professionali, e sono certo che lavoreremo bene durante l’anno”.

Anche Stefano Manzi è ottimista per sua la terza stagione in Moto2, nonostante ancora una volta sia costretto a cambiare telaio: “Sicuramente il progetto è molto ambizioso, riporteremo in pista dopo tanti anni una MV Agusta nel motomondiale: avremo una moto completamente nuova, costruita da zero e tutta da scoprire, ma fin dai primi metri al F2 ha risposto bene. Mi sono trovato a mio agio in sella e non vedo l’ora di scendere in pista nei test che faremo tra pochi giorni in Spagna”.

Moto2 | Manzi: “Eccitato di fare parte di un progetto così ambizioso”
5 (100%) 1 vote[s]
Leggi altri articoli in Moto2

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati