MotoGP | Test Sepang Day 3: Iannone, “Oggi abbiamo preferito rimanere a riposo” [VIDEO]

L'alfiere del team Aprilia ha preferito rimanere ai box a causa di una cura antibiotica

MotoGP | Test Sepang Day 3: Iannone, “Oggi abbiamo preferito rimanere a riposo” [VIDEO]MotoGP | Test Sepang Day 3: Iannone, “Oggi abbiamo preferito rimanere a riposo” [VIDEO]

MotoGP Test Sepang Day 3 Aprilia Gresini – Nessuna attività in pista per Andrea Iannone nel corso della terza e ultima giornata di test IRTA MotoGP pre-season sul tracciato di Sepang. A causa di una cura antibiotica che lo sta rallentando da giorni, infatti, il pilota italiano ha preferito rimanere a riposo, lasciando di comune accordo con la squadra tutto il lavoro di sviluppo a Bradley Smith. Una scelta dolorosa, visto il corposo programma di sviluppo previsto sulla RS-GP 2019, ma che permetterà all’italiano di presentarsi al meglio nei prossimi test pre-stagionali che si terranno tra quindici giorni in Qatar.


Qui le valutazioni di Andrea Iannone: “Benché sia arrivato qui dopo una cura di antibiotici, abbiamo svolto due buone giornate di lavoro, specie quella di ieri è stata piuttosto importante per quanto e come abbiamo girato e per come abbiamo iniziato a intervenire sulla moto. E’ stato il mio primo test su questa moto e confermo che abbiamo tante potenzialità da esplorare. Ma le condizioni qui sono dure anche se si è in piena forma e per questo, e visto il lavoro svolto e la presenza del test team, oggi abbiamo preferito rimanere a riposo. Lo abbiamo deciso col team, a puro scopo di precauzione. Riprenderemo il lavoro in Qatar, spero in piena forma, certamente con le idee ben più chiare”.

Ecco invece le parole di Bradley Smith: “Sono stati dei test molto interessanti. I ragazzi di Aprilia hanno migliorato la RS-GP e credo che, alla fine di questa prima uscita, il nostro livello sia decisamente incoraggiante. Sono contento che quanto fatto durante lo shakedown abbia permesso ad Aleix di partire da una buona base, vederlo girare in 1’59 è una bella soddisfazione per tutto il Team. Ho cercato di dare il mio meglio, trasmettendo ai tecnici le mie sensazioni, e non vedo l’ora di tornare in pista in Qatar. Prima da collaudatore e poi, nel weekend di gara, da pilota!”.

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

1 commento
  1. Avatar

    nandop6

    11 febbraio 2019 at 14:26

    Non ce la fa neanche a parlare……
    Sembra la Parietti.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati