MotoGP | Presentazione Suzuki: Mir, “L’obiettivo di quest’anno è quello di migliorare gradualmente”

Il pilota spagnolo ha poi aggiunto: "Anche come rookie la pressione c'è, ma non sempre è negativa"

MotoGP | Presentazione Suzuki: Mir, “L’obiettivo di quest’anno è quello di migliorare gradualmente”MotoGP | Presentazione Suzuki: Mir, “L’obiettivo di quest’anno è quello di migliorare gradualmente”

MotoGP Presentazione Suzuki 2019 – La Suzuki affida ad un video su YouTube (che troverete qui), la presentazione di moto e team che prenderà parte alla stagione 2019.

Oltre al video introduttivo, la casa di Hamamatsu ha poi pubblicato una lunga intervista ‘conoscitiva’ a Joan Mir, che debutterà nel 2019 in classe regina. Il pilota spagnolo dopo appena una anno in Moto2 e dopo aver conquistato il titolo in Moto3 nel 2017 è chiamato sin da subito ad affrontare i migliori piloti del mondo, ma anche grazie alla ‘presentazione’ fatta dalla Suzuki conosciamo meglio un pilota che, sebbene la giovane età, dimostra grande maturità.

Qual è la parte più difficile dell’inverno, del tempo o dell’inattività?
“La cosa più difficile penso sia l’inattività. Senza MotoGP ti manca qualcosa, le gare, anche se ti alleni molto non è lo stesso.”

Come riempi tempo durante la pausa invernale?
“Non c’è molto tempo libero. Fondamentalmente, passo l’intera giornata ad allenarmi, preparandomi, in modo che quando arriveremo a Sepang sarò in buona forma e potremo fare dei buoni test.”

Qual è il tuo obiettivo per questa nuova stagione
“Imparare e migliorare gara per gara.”

Cosa chiedi al GS-RR 2019?
“Vorrei chiedere un po’ di potenza, poter frenare bruscamente e girare molto bene, quindi un po’ di tutto! Non ho provato le altre versioni della GSX-RR, ma il contatto che ho avuto con il prototipo 2019 che ho guidato alla fine dello scorso anno mi ha fatto sentire molto felice e molto soddisfatto.”

Qual è la cosa più impressionante di guidare la GSX-RR?
“Penso che la cosa più impressionante sia la potenza della moto e la velocità che raggiungi con questa moto. A causa del peso ridotto sembra abbastanza simile a una Moto2, quindi la differenza principale è nella potenza.”

Come esordiente, è spaventoso entrare nella prima gara senza conoscere appieno la moto?
“Non ti spaventa, ma ovviamente pensi molto a come ti adatterai alla moto. In ogni categoria ciò che fa la differenza è la capacità di adattarsi rapidamente alla moto e alle gomme e di sapere come funziona al massimo. Dobbiamo anche analizzare come stanno giudando gli altri e come avvicinarsi a loro.”

La gente di solito dice che i debuttanti non hanno alcuna pressione. Questo ti permette di “intrufolarti” come un estraneo?
Beh, l’affermazione che i rookie non hanno pressione non è necessariamente vera. Hai sempre la pressione, c’è sempre qualcosa che ti rende nervoso. Ma è vero che non tutta la pressione è brutta, c’è anche una parte positiva che ti aiuta a migliorare giorno dopo giorno, quel qualcosa nello stomaco che ti spinge a migliorare te stesso. E sì, sei un po’ nascosto perché nessuno ha aspettative molto alte sui rookie come fanno con i piloti più esperti, ed è qui che dobbiamo dimostrare loro che sbagliano.

Essere realistico, qual è il tuo obiettivo per la stagione 2019?
“Essendo realistico, l’obiettivo di quest’anno è quello di migliorare gradualmente, iniziare in Qatar con una buona prestazione e concludere l’anno migliorando gara dopo gara. Ho bisogno di adattarmi alla moto, alla squadra, alla categoria e iniziare a colmare il divario con i piloti davanti. Questa è la cosa più importante.”

Dopo i due test che hai svolto con il team, da un punto di vista tecnico, dove pensi di poter migliorare?
“La verità è che i test sono stati molto buoni, migliori di quanto mi aspettassi, sono stato molto soddisfatto della moto e sono stato in grado di guidare molto bene. Non penso che ci sia un’area in cui devo migliorare molto, solo una piccola quantità in ogni aspetto, perché non abbiamo perso tempo in una singola area, ma un po’ in ogni sezione. Tuttavia, tutto è stato molto positivo.”

Che consiglio chiederesti al tuo compagno di squadra, che ha più esperienza nella massima classe?
“Ovviamente, ha molti consigli da dare, ma non tutti i consigli sono applicabili perché provengono dalle esperienze vissute. Non penso che ci sia una bacchetta magica per andare veloce, solo tempo, esperienza e duro lavoro.”

MotoGP | Presentazione Suzuki: Mir, “L’obiettivo di quest’anno è quello di migliorare gradualmente”
Vota questo articolo
Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati