Superbike | Intervista a Tom Sykes e Markus Reiterberger

I due piloti si raccontano a WorldSbk.com in attesa di scendere in pista a Jerez

Superbike | Intervista a Tom Sykes e Markus ReiterbergerSuperbike | Intervista a Tom Sykes e Markus Reiterberger

Con il campionato del mondo MOTUL FIM Superbike alle porte, i piloti e i team stanno lavorando per arrivare all’appuntamento australiano, tra meno di un mese, al massimo della forma.

La nuova stagione ci presenterà nuovi volti, nuove moto ma anche il ritorno di personaggi di e costruttori illustri: tra questi BMW che rientra a far parte del campionato dopo quattro anni grazie al team British Shaun Muir Racing, schierando una line up composta dal campione 2018 della STK1000, Markus Reiterberger, e da Tom Sykes.

Dopo un incidente avvenuto a Misano nel 2016, il pilota tedesco è stato costretto ad un lungo periodo lontano dalle piste. Dopo un breve ritorno col BMW Althea Team nel 2017, ha deciso di fermarsi ancora una volta perché non era ancora al 100% della forma. Dopo essersi recuperato, nel 2018 è tornato nel paddock della WorldSBK partecipando al campionato STK1000 e dopo aver dominato la stagione con quattro vittorie e sei podi, Reiterberger è riuscito ad assicurarsi il titolo e ad aggiudicarsi una sella nella WorldSBK per il 2019.

Il tedesco condividerà il box con il campione del mondo della massima categoria del 2013, Tom Sykes che, dopo aver gareggiato per quasi dieci anni con la Kawasaki ZX-10RR, ha scelto di affacciarsi ad una nuova sfida.

Dopo i risultati positivi dei primi test privati, svoltisi ad Almeria lo scorso dicembre, i due nuovi compagni di squadra si preparano a scendere di nuovo in pista sul circuito di Jerez il 23 e 24 gennaio. WorldSBK.com ha posto alcune domante ad entrambi i piloti.

Durante l’inverno, Reiterberger ha lavorato sulla sua moto ma anche sulla sua resistenza: “Sto cercando di prepararmi alla stagione 2019 per arrivare con la miglior forma possibile. Sto unendo forza e resistenza durante gli allenamenti ma mi sto anche sottoponendo a trattamenti speciali su consiglio di Bernd Hiemer (formatore del campionato Supermoto). Mi sento in forma e pronto come mai prima d’ora ma, se devo modificare i miei obiettivi o meno lo saprò tra meno di un mese!”

Parlando dei test privati, sia Reiterberger che Sykes hanno la stessa opinione a proposito: “Abbiamo un solo test con la BMW S1000RR. È stato molto di più di un test conoscitivo per vedere se tutto stesse andando come volevamo. Non siamo mai caduti e abbiamo avuto l’opportunità di conoscerci. Sono contento di vedere come stanno andando le cose” ha detto Reiterberger. “Abbiamo svolto il nostro primo test prima di Natale e sono impressionato, perché era la prima volta in cui abbiamo lavorato insieme e alcuni pezzi nuovi sono arrivati durante le prove. La mia prima impressione sulla S1000RR è davvero buona e sto guardando avanti verso nuove sfide” ha aggiunto Sykes.

Raggiungendo la squadra inglese per la prima volta, il nuovo duo ha condiviso opinioni sulle circostante:
Reiterberger: “Nel complesso tutto è andato bene e non posso lamentarmi! Sono fortunato di avere con me alcuni membri della mia squadra come il mio meccanico di vecchia data Wolfgang Kampe, o Werner Daemen, mio manager ed istruttore di equitazione. Inoltre, conosco i ragazzi del dipartimento del motorsport della BMW da diversi anni. I nuovi compagni del team sono i ragazzi della SMR (Shaun Muir Racing), e c’è stato un buon feeling. Loro sanno che cosa stiamo facendo e tutto il resto verrà da sé”.

Sykes: “È stato chiaro fin da subito che vogliamo migliorare e raggiungere gli stessi obiettivi. Il Shaun Muir Racing ha una struttura di altissimo livello per cui la partnership tra BMW e SMR sarà davvero forte”.

Il tedesco ha vinto il titolo STK1000 con una S1000RR e ci ha spiegato le sensazioni sulla SBK®: “La BMW S1000RR è una moto completamente diversa che non può essere confrontata con la stock. Ha più potenza, più elettronica e un nuovo telaio. Non avrò vantaggi rispetto al mio compagno di squadra perché entrambi iniziamo da zero. Forse, avere una collaborazione BMW da diversi anni potrebbe essere una facilitazione”. Il campione in carica della STK1000 guarda ai test di Jerez per capire a quali progressi hanno già fatto insieme. “C’è sempre molto lavoro da fare per rilanciare una moto nuova. È ancora troppo presto per preannunciare quanto lavoro avremo da fare. La moto è ancora lontana dall’essere pronta, ma sono fiducioso e riusciremo a raggiungere un ottimo livello in poco tempo”.

Il suo compagno di squadra, Tom Sykes, ha ottime aspettative in vista dei prossimi test. L’inglese ha detto di avere le idee chiare sui preparativi finali prima di volare in Australia per la gara inaugurale della stagione. “Jerez sarà la prima pista in cui andremo a provare insieme ai nostri concorrenti ma per me non sarà un problema. Ho già ben in mente cosa voglio ottenere con questo nuovo progetto per arrivare in Australia il più forte possibile. Abbiamo ottenuto molto dagli ultimi test, continueremo a lavorare su questa linea”.

Il tedesco è molto fiducioso sugli sviluppi che riusciranno ad apportare alla moto nel corso del 2019. “È difficile prevedere cosa riusciremo a fare nel 2019. Tutto dipende dalla mia preparazione e dobbiamo ancora vedere il livello che abbiamo in gara confrontandoci con gli altri. Il mio pacchetto è buono e sono sicuro che mi permetterà di lottare con i più forti. Non ci siamo ancora prefissati un obiettivo preciso. Spero solo di non avere incidenti nel corso della stagione. Sarò calmo e proverò ad essere costante”.

Poi, Reiterberger ha commentato il rapporto col suo nuovo compagno di squadra: “Al primo test tutto è andato bene! Tom è un ragazzo simpatico, con un tocco di follia per questo sport che, per certo, non manca nemmeno a me. Siamo ben accoppiati! Mi piace il suo essere così espansivo e onesto. Inoltre, è un talento incredibile, molto meticoloso. Mi piacerebbe entrare nella sua testa per vedere come si prepara al campionato!

Superbike | Intervista a Tom Sykes e Markus Reiterberger
Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Primo Piano

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati