Moto2 | Pasini: “Non ho una moto, ma non scendo a compromessi”

"Per i team contano i piloti che chiudono il budget"

Moto2 | Pasini: “Non ho una moto, ma non scendo a compromessi”Moto2 | Pasini: “Non ho una moto, ma non scendo a compromessi”

Nonostante sia stato uno tra i piloti più forti nelle ultime due stagioni della classe intermedia, Mattia Pasini non ha ancora trovato una sella, quando mancano solo 51 giorni alla prima gara del mondiale 2019.

Intervistato per Sky da Antonio Boselli, il “Paso” ha raccontato di come si sta preparando nel caso in cui ci sia un team che: “si accorga di aver fatto una scelta sbagliata e venga a cercarmi”.

Dopo alcune stagioni difficili, Paso ha ritrovato il sorriso con il team Italtrans Racing, collezionando vittorie, podi e pole position. Purtroppo però, si ritrova ora senza un posto in griglia di partenza; tuttavia, ribadisce di non accettare di correre per una squadra che non gli permetta di gareggiare al top:

“Mi alleno come se dovessi correre in Qatar, i posti sono tutti occupati quindi al momento non ho una sella. Quest’estate non ho accettato compromessi e non sono intenzionato a farlo adesso, voglio un team che mi permetta di vincere gare e mondiale”.

Secondo Mattia, il problema principale al momento è che i team non guardano il talento, bensì il lato economico:

“Sono stato veloce ma probabilmente le squadre cercano piloti che siano in grado di chiudere il budget piuttosto che piloti forti”.

La scorsa domenica, Valentino Rossi ha organizzato una rimpatriata a casa sua, coinvolgendo anche Bryan Toccaceli, pilota di Motocross che purtroppo è rimasto paralizzato a seguito di una violenta caduta, otto mesi fa. Tra gli amici del Dottore, c’era anche Pasini:

“Si, questi sono i problemi veri della vita, non di certo Pasini che non ha una moto. Con Bryan abbiamo passato una bella domenica, lotta come un leone”.

 

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Moto2

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati