MotoGP | Jorge Lorenzo: “Voglio battere Marquez, la Honda si adatta meglio della Ducati al mio stile di guida”

Lorenzo ha aggiunto: "Una delle cose che mi ha colpito di più è stata la reattività del Team"

MotoGP | Jorge Lorenzo: “Voglio battere Marquez, la Honda si adatta meglio della Ducati al mio stile di guida”MotoGP | Jorge Lorenzo: “Voglio battere Marquez, la Honda si adatta meglio della Ducati al mio stile di guida”

Repsol Honda Team MotoGPJorge Lorenzo ha potuto parlare per la prima volta da pilota ufficiale Repsol, squadra con la quale correrà nelle prossime due stagioni insieme al connazionale Marc Marquez.

Dopo aver provato la moto nei test pre-season, ma con la bocca “cucita” visto che il contratto con Ducati scadeva il 31 dicembre, il maiorchino ha potuto parlare da rider HRC.

Lorenzo ha parlato delle sue prime impressioni sulla Honda RC213V, del senso di appartenenza alla nuova squadra e delle proprie ambizioni. Ecco casa ha detto il cinque volte campione del mondo. A lui la parola.

Cosa significa per te appartenere al Team Repsol Honda e cosa pensi dei nuovi colori?

“Mi piacciono i nuovo colori. I miei colori preferiti sono sempre stati il ​​bianco, il rosso e il nero, e ora possiamo aggiungere l’arancione a quelli. Sono colori che rappresentano il successo, con molte vittorie e molti campionati del mondo negli ultimi 25 anni. Sono molto orgoglioso di appartenere a questa famiglia e di poter contribuire a rendere la squadra ancora più forte. Repsol Honda è la squadra di maggior successo nella storia. Ha il maggior numero di vittorie e titoli. Paragonandola ad una squadra di calcio, sarebbe come il Barça o il Real Madrid. Non esiste una squadra con più titoli e più importanza a livello mondiale.”

Cosa hai pensato la prima volta che hai provato la tua nuova moto?

“La scorsa stagione ho guidato una moto completamente diversa, che era molto grande e molto alta. Forse era un po’ troppo grande per me. La Honda si adatta meglio in termini di dimensioni. È più compatta, una moto più piccola e più bassa, con la quale posso piegare meglio. Sento maggior feeling quando entro in curva, perché più ti avvicini al terreno, maggiore è la tua sicurezza. La prima impressione è stata positiva e ho visto molto potenziale.”

Cosa hai provato entrando in Honda e cosa hai pensato quando sei entrato nel box del Team Repsol?

“In quei momenti la tua espressione parla da sola. È tutto molto eccitante, molto nuovo e divertente. Inoltre, se il feeling iniziale è buono, la tua espressione puoi dire ancora di più. Una delle cose che mi ha colpito di più è stata la reattività del Team Repsol Honda.”

Sono già stati apportati cambiamenti tra i test a Valencia e Jerez. Cosa di preciso?

“Una delle cose che mi ha colpito di più è stata la capacità del Repsol Honda Team di reagire, fornendo ciò che avevo richiesto. Ho dato indicazioni chiare, Honda ha preso nota di tutte le mie indicazioni e in pochi giorni aveva tutto pronto ed ho avuto un serbatoio con cui mi trovo quasi al 100%”.

Hai detto che avresti imparato da Marc Marquez, ma che anche lui avrebbe imparato da te. Cosa pensi che Marc possa offrirti e cosa puoi dare a lui?

“Tutti i piloti hanno punti di forza e debolezze ed è così anche per Marc. Cercherò di imparare dai suoi punti di forza, e credo che lui cercherà di imparare dai miei. Ci spingeremo l’un l’altro; Voglio batterlo e lui vorrà battermi, e questo farà crescere sempre la squadra e aiuterà ad avere nuovi progressi tecnici.”

Quest’anno il Repsol Honda Team compie 25 anni e Repsol raggiunge 50 anni sponsorizzazione nello sport. Cosa significa questo per te?

“25 anni sono lunghi. Quando la Repsol ha iniziato a sponsorizzare il team Honda nel 1995, è stato quando ho iniziato a guardare le gare in tv. Ricordo le lotte tra Harada e il mio idolo Max Biaggi in 250cc, ma anche lotte di 500cc tra Criville e Doohan, quando Rossi ha firmato per Repsol Honda e quando Nicky Hayden ha vinto il campionato del mondo nel 2006. È una squadra di grande successo, con molte vittorie e titoli mondiali, e ora avrò l’onore e il piacere di poterne appartenere. 50 anni sono estremamente lunghi. Penso che Ángel Nieto sia stato uno dei primi sportivi sponsorizzati da Repsol. È stato il primo in Spagna e la persona che ha potenziato lo sport in questo paese. È incredibile che Repsol fosse lì a supportarlo in quel momento.”

La presentazione della squadra è fissata per il 23 gennaio a Madrid. È una giornata piena di aspettative?

“La presentazione sarà molto speciale per me. Penso che stia generando molte aspettative perché insieme a Marc abbiamo dodici titoli mondiali. Soprattutto, c’è molto talento e molta velocità all’interno della squadra più decorata della storia. L’aspettativa e l’ottimismo sono grandi e ci divertiremo.”

MotoGP | Jorge Lorenzo: “Voglio battere Marquez, la Honda si adatta meglio della Ducati al mio stile di guida”
5 (100%) 4 votes
Leggi altri articoli in In evidenza

Lascia un commento

15 commenti
  1. nandop6

    2 gennaio 2019 at 15:09

    Dopo gli italiani tifero’ per te.

    • TONYKART

      2 gennaio 2019 at 15:28

      tifi un pilota perche’ sai che il tuo pilota marquez non lo riesce a battere,che poverini che siete…..

      • H954RR

        2 gennaio 2019 at 16:42

        No Tony, tifano chiunque perchè hanno la c@ch€tt@ che il fenomenale Marc distrugga i 9 furti del loro mezzo pilotino a trucco con titoli mondiali VERI oltre tutti i record che gli ha già frantumato.

  2. fatman

    2 gennaio 2019 at 18:25

    …bravo H…cantagliele a quella m£.d@ di nandopistola6colpi…

  3. fatman

    2 gennaio 2019 at 18:27

    …intanto Jorge dal 2010 ha vinto 3 mondiali mentre il geriatra l’ha preso in c..
    ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah
    ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah
    ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah

  4. MSC crociere

    2 gennaio 2019 at 18:44

    Sarà che mi è dispiaciuto che abbia lasciato la Ducati ma fa proprio strano vederlo con i colori HRC..dovrà lavorare a testa bassa ancora più che negli ultimi due anni se vuole battere Marquez, anche a costo di credersi un po’ meno campione di quello che è e prendere qualche bella batosta ma ce la può fare.
    Forza Jorge!

  5. TONYKART

    2 gennaio 2019 at 18:58

    Non mi piace però che molto velatamente sputa nel piatto dove ha mangiato alla grande , ducati ha lavorato moltissimo per cercare di metterlo nelle migliori condizioni e con Honda sicuramente aveva steso il contratto molto prima dllw dichiarazioni sbagliate di domenicali al Mugello , quindi non deve fare troppo la vittima …

    • MSC crociere

      2 gennaio 2019 at 21:28

      io penso invece che le dichiarazioni di Domenicali fossero solo la punta dell’ice berg e che sia stata Ducati a essersi mossa ben prima. Lorenzo è stato costretto a cercarsi un’altra sistemazione per non rimanere a piedi, solo che ha trovato quella che nessuno si sarebbe mai aspettato, credo nemmeno la Ducati. Anche perchè per 18 anni se dicevi Pedrosa dicevi anche Honda…

      • TONYKART

        3 gennaio 2019 at 11:08

        indubbiamente erano scontenti tutti e due,io tengo di piu’ la parte per ducati perche’ la moto era stracompetitiva con dovizioso ma anche con gli altri piloti era sempre su livelli molto alti,dopo la fine della prima stagione di lorenzo in ducati sembrava che si era trovata la strada iusta per farlo andare forte,appena e’ iniziata la seconda stagione era tornato ancora in grande difficolta’,dal mugello ha fatto qualche gara importante ma anche cadute,alla fine non penso che valeva tutti i soldi spesi,gli facci gli auguri,voglio vedere quando marquez lo demolisce se non rimpiange la ducati….

  6. nandop6

    2 gennaio 2019 at 21:11

    Ahahahahahahahah Come al solito non capite un caz.. come quando commentate Rossi. Diversamente sano, la terapiaaaaa!!!

    • fatman

      3 gennaio 2019 at 12:20

      Capisci tu ahahahahahahahahahahahahahah…ho ancora negli occhi la caduta da str0nz0 fatta dal geriatra nell’ultima gara a Valencia quest’anno…

      • nandop6

        3 gennaio 2019 at 14:47

        Per le testine….. Tiferò i piloti italiani, moto italiane ma se non dovessero contrastare i mondiali monopolizzati da Marquez, per lo spettacolo spero ci riesca qualche altro pilota, che sia Lorenzo o altri non importa, i 9 mondiali non centrano niente come non centra niente l’antipatia (che c’è) per “l’uomo” Marquez, stessa cosa in SBK spero che qualcuno lotti seriamente con Rea, piloti italiani o Ducati sarebbe meglio altrimenti vanno bene tutti. Capito testine??

  7. ueueue

    3 gennaio 2019 at 14:03

    Siete dei grandissimi babbei cogli@nidi..
    e tifate Loprenzo o no? o tenevate per Lui solo quando era in Ducati?…
    o quando ha sputato su Ducati?
    Beh ma adesso che indossa i suoi colori preferiti di sempre ( hahahahah che pistola facesse silenzio almeno )..

    beh si consolerà con il suo mito ( hahahhaha ) spelacchiato Er corsaro al cess..

    fessi

    bravo nando
    pimpan in cul a sorreta

  8. fatman

    7 gennaio 2019 at 12:39

    Quanto godo a vedervi disperati, affranti, r1kk10n1…

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati