MotoGP | Sequestrata la Bentley di Andrea Iannone

L'auto del pilota abruzzese è stata fermata alla dogana, in quel momento al volante c'era il preparatore

MotoGP | Sequestrata la Bentley di Andrea IannoneMotoGP | Sequestrata la Bentley di Andrea Iannone

MotoGP – Fine 2018 amaro per Andrea Iannone, che si è visto sequestrare la sua Bentley Continental Supersport, dal valore di circa 400 mila euro, per infrazione doganale.

Il pilota abruzzese, che da qualche anno ha la residenza in Svizzera, poche settimane fa si è visto portare via l’auto, acquistata in estate, dalle Fiamme Gialle dopo un accertamento al confine. Al momento del sequestro, come riportato dal sito Il Giorno, non c’era il neo pilota Aprilia al volante della macchina, ma il suo preparatore atletico. Proprio quest’ultimo particolare ha fatto scattare ‘l’allarme’ dei finanzieri che hanno contestato la violazione del Testo unico della legislazione doganale, nello specifico la normativa che regola l’importazione di veicoli per uso privato e il conseguente contrabbando. La legge prevede particolari criteri per l’importazione anche temporanea di beni.

Andrea Iannone ha già fatto ricorso al TAR per chiedere il dissequestro.

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

1 commento
  1. Avatar

    TONYKART

    28 dicembre 2018 at 20:25

    se manda belen in un minuto gli ridanno la macchina….

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati