MotoGP | Test Jerez Day 2: Rossi, “Giornata positiva, ma la strada è ancora lunga”

Rossi ha aggiunto: "Vinales è ottimista, ma i problemi vanno prima risolti"

MotoGP | Test Jerez Day 2: Rossi, “Giornata positiva, ma la strada è ancora lunga”MotoGP | Test Jerez Day 2: Rossi, “Giornata positiva, ma la strada è ancora lunga”

MotoGP Yamaha Test Jerez Day 2Valentino Rossi non è andato oltre l’undicesimo tempo nella seconda ed ultima giornata di test IRTA della classe MotoGP a Jerez da la Frontera.

Nell’ultimo test dell’anno il pesarese non ha trovato ciò che cercava, un consumo gomme meno elevato dopo qualche giro, anche se non è del tutto pessimista, i progressi ci sono, ma forse non a livello della concorrenza

Lo fa ben sperare la buona prestazione del suo team-mate Maverick Vinales, ma per Rossi i problemi non sono ancora risolti nonostante l’ottimismo dello spagnolo. Ecco cosa ha raccontato Rossi al termine del Day 2 andaluso.

REPORT TEST JEREZ MOTOGP

“Maverick è andato molto forte come passo e questa è una cosa importante, anche io sono stato abbastanza veloce, soprattutto rispetto a ieri. Abbiamo fatto delle prove che si sono rivelate giuste e chiudiamo con una giornata positiva. La strada è però ancora lunga e spero che la Yamaha porti novità, perchè mi sembra che i nostri avversari sono veloci – ha detto Valentino Rossi – Il motore con più freno motore di quelli che avevamo qui è quello migliore, però diciamo che dobbiamo migliorare in generale e in accelerazione.”

OTTIMISMO MAVERICK VINALES

“Mi piace moltissimo l’ottimismo di Maverick, però secondo me bisognerebbe prima risolverli i problemi. Lui è andato forte ed ha avuto un buon passo, forse è stato uno dei migliori e questo è positivo.”

FINE COLLABORAZIONE CON LUCA CADALORA

“Purtroppo abbiamo cercato di tenere Cadalora anche per i prossimi due anni ma ci ha detto elegantemente di no. Lo capisco perchè è un impegno abbastanza gravoso, tutte le gare e tutti i test. Siamo stati tre anni insieme ed è stata una grandissima esperienza, ci siamo divertiti molto ed abbiamo fatto anche un bel lavoro. Luca però ha deciso di rimanere a casa e qui c’era Idalio Gavira perchè lavora per la Riders Academy ed è anche il coach del Team Sky. Per il prossimo anno è ancora tutto da decidere.”

MotoGP | Test Jerez Day 2: Rossi, “Giornata positiva, ma la strada è ancora lunga”
5 (100%) 2 votes
Leggi altri articoli in In evidenza

Lascia un commento

7 commenti
  1. fatman

    30 novembre 2018 at 13:10

    …se seguiranno le tue indicazioni non potranno che piangere io Yamaha…

  2. nandop6

    30 novembre 2018 at 20:26

    Da corsedimoto.it :
    Potete criticarlo quanto volete, ma la constatazione che Valentino Rossi ha fatto al termine dei test di Jerez è una verità solare. “Negli ultimi due anni la situazione tecnica in MotoGP è cambiata molto.. Ducati è stata la prima a fare uno step, come quantità di gente, quantità di ingegneri, quantità di persone che lavorano a casa e lavorano alle gare, ecc. Si sono avvicinati un po’ di più alla F1, la Honda l’ha seguita. Adesso per vincere bisogna fare quello sforzo lì“.
    E’ vero, la disparità di forze in campo balza all’occhio. La Ducati ha portato in Spagna un’esercito di ingegneri, coinvolti nello sviluppo di tutte le aree: motore, ciclistica, elettronica, aerodinamica. Sulle Ducati “Factory”, in due giorni, si sono viste diavolerie di ogni genere: strani bracci metallici sotto il forcellone, codoni “alati”, nuovi profili areodinamici. Se le novità visibili ad occhio erano così tante, immaginate cosa possa esserci in valutazione nei settori “invisibili”: sviluppo del motore, ma soprattutto progressi nel settore nevralgico della MotoGP moderna, l’elettronica. La Ducati ha lavorato in Spagna con tre piloti ufficiali (Dovizioso, Petrucci e il tester Bautista) oltre a Miller, ufficiale “aggiunto” distaccato in Pramac. Ma in questa fase di preparazione anche le formazioni satellite vengono utilizzate per specifici esperimenti. Se in pista lo sforzo è così evidente, immaginatevi a casa.

    • TONYKART

      1 dicembre 2018 at 00:44

      e’ una constatazione corretta,ma e’ anche corretto che quando la yamaha e’ stata competitiva ha vinto maverick e non lui ……

    • fatman

      1 dicembre 2018 at 09:38

      Però il geriatra ha il secondo nel polso e sistema la moto in 80 secondi, non dovrebbe lamentarsi…vorrà ancora il gommino come gli anni passati? Allora vinceva per superiorità della moto come tutti gli altri? Lo dica una buona volta e vada aff…

  3. LucaR

    30 novembre 2018 at 23:37

    Il vostro sito non lo legge più nessuno!…finitela di recitare!!!

    • fatman

      1 dicembre 2018 at 09:40

      Tu lo stai leggendo, lur1d0 imb@11@, levati dal c@xx0!!!

  4. supermariacion

    1 dicembre 2018 at 19:55

    Fartman stai calmo, non abbaiare! Arriva un nuovo utente e lo tratti così???

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati