MotoGP | Test Jerez Day 2: Morbidelli, “Mi sento molto a mio agio”

Dall'altra parte del box Quartararo ha detto: "Oggi mi sentivo veloce"

MotoGP | Test Jerez Day 2: Morbidelli, “Mi sento molto a mio agio”MotoGP | Test Jerez Day 2: Morbidelli, “Mi sento molto a mio agio”

MotoGP Test Jerez Petronas Yamaha Day 2 – Si chiude con un ottimo sesto tempo la due giorni di test a Jerez di Franco Morbidelli, il campione del mondo della Moto2 del 2017 ha fermato il cronometro sul 1:38.118 a soli 173 millesimi dalla migliore prestazione di giornata.

Il pilota italo-brasiliano ha trascorso la mattinata lavorando sul ritmo gara, tentando la simulazione del giro veloce nel pomeriggio.

Queste le parole di Franco Morbidelli: “Oggi è stata una giornata molto produttiva. Abbiamo provato diverse configurazioni di set-up e siamo riusciti a migliorare il ritmo di gara questa mattina e poi il tempo sul giro questo pomeriggio, quindi sono molto contento di questo. I due test che abbiamo avuto con il team sono stati molto positivi e mi sento molto a mio agio con il team e il personale Yamaha. Possiamo dire che abbiamo iniziato bene la preseason, quindi durante l’inverno possiamo studiare le informazioni che abbiamo raccolto e provare a rendere la moto 2019 ancora migliore “.

Dall’altra parte del box anche Fabio Quartararo è stato autore di un’ottima prestazione chiudendo la seconda giornata di test a Jerez con il dodicesimo tempo.

Queste le parole di Fabio Quartararo: “In questo ultimo giorno di test abbiamo migliorato il feeling e il tempo sul giro. Abbiamo fatto un passo avanti e siamo riusciti a provare alcune cose con l’elettronica, che fino ad ora non avevamo quasi toccato. Il più grande guadagno è stato il primo contatto con l’acceleratore, in accelerazione e anche in entrata di curva. Oggi sentivo che i tempi sul giro stavano scendendo e mi sentivo veloce, è stata davvero una bella sensazione. Sapevamo che più giri avremmo fatto con la Yamaha, più avremmo migliorato. Il mio obiettivo di oggi era girare sul 1’38 e ne ho fatti tre. Stiamo lavorando sul nostro ritmo, a poco a poco, e gradualmente colmando il divario da i piloti più veloci. Sono davvero contento di come questi pochi giorni siano passati qui a Jerez e in questa prima fase della preseason del 2019, quindi devo ringraziare tutto il team per il lavoro svolto”.

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati