MotoGP | Valencia Test Day 1: Morbidelli, “Il primo contatto con la moto è davvero buono, è facile da capire”

Il pilota italo-brasiliano ha chiuso la prima giornata di test con un ottimo sesto tempo, alla sua prima uscita in sella ad una Yamaha

MotoGP | Valencia Test Day 1: Morbidelli, “Il primo contatto con la moto è davvero buono, è facile da capire”MotoGP | Valencia Test Day 1: Morbidelli, “Il primo contatto con la moto è davvero buono, è facile da capire”

MotoGP Valencia Test Day 1 SIC Petronas – Nella prima giornata di Test IRTA a Valencia c’è stato il debutto del nuovo team Petronas Yamaha Sepang Racing, con in sella il nostro Franco Morbidelli.

Il pilota italo brasiliano ha chiuso la prima giornata di test con un ottimo sesto tempo. Dopo un anno sulla Honda del team Marc VdS il ‘Morbido’ sembra essersi adattato molto bene e molto velocemente alla Yamaha. L’obiettivo della giornata, accorciata a causa delle difficili condizioni meteo, era solo quello di adattarsi alla M1, che al momento è equipaggiata con il vecchio telaio ma con alcune novità sotto la carena che la rendono molto simile alle moto del team ufficiale.

Queste le parole di Franco Morbidelli: “È stato un grande primo giorno, mi sono sentito bene con la moto non appena ci sono entrato in pista e il contatto con la squadra è davvero buono. Sono riuscito a fare alcuni giri in questo pomeriggio e sono stati costanti e veloci. Ovviamente ho bisogno ancora di tempo per adattare la mia guida alla moto, ma conoscendola meglio e comprendendone i punti di forza e di debolezza, posso ottenere il massimo da questo test. Sono stato sorpreso di quanto sia scorrevole la Yamaha e di quanto sia facile da capire.”

Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

2 commenti
  1. Avatar

    Ronnie

    21 Novembre 2018 at 07:16

    Rispetto a quel cancello di Honda che rifilavano al Team Marc VDS sicuramente la Yamaha è molto meglio. Honda forniva una moto competitiva solo a Marquez, Pedrosa aveva il suo sviluppo, ma gli pneumatici degli ultimi anni a lui non andavano bene, poi c’era la Honda di Crutchlow che però non era completamente ufficiale e aggiornata e quella di Nakagami che sicuramente era un passo avanti a quella del VDS e forse più simile a quella di Crutchlow. Penso che la moto di Morbidelli e Luthi era una delle peggiori della griglia.

  2. Avatar

    fatman

    21 Novembre 2018 at 10:08

    …uno che ha come idolo il geriatra non farà molta strada…

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati