MotoGP | Gp Malesia Day 1: Vinales, “Non mi aspettavo di essere così competitivo” [Video]

Lo spagnolo della Yamaha ha chiuso la prima giornata di libere con il sesto tempo

MotoGP | Gp Malesia Day 1: Vinales, “Non mi aspettavo di essere così competitivo” [Video]MotoGP | Gp Malesia Day 1: Vinales, “Non mi aspettavo di essere così competitivo” [Video]

MotoGP Gp Sepang Yamaha Movistar Day 1Maverick Vinales ha chiuso la prima giornata di libere del Gran Premio della Malesia con il sesto tempo.

Dopo un ottimo avvio, il vincitore del Gp d’Australia, è sembrato leggermente più in ‘difficoltà’ nel secondo turno. Lo spagnolo ha chiuso la FP1 con il terzo tempo, a poco più di due decimi dalla vetta, mente nel pomeriggio malese, nonostante un miglioramento di un decimo rispetto al primo turno non è riuscito a fare meglio quarto tempo, chiudendo così in sesta posizione nella classifica combinata dei tempi.

Queste le parole di Maverick Vinales: “E’ stata una giornata positiva, perché onestamente non mi aspettavo di essere così competitivo qui. L’anno scorso ho lottato molto, questo è uno dei circuiti dove ho faticato tanto, ma improvvisamente, quando sono andato in pista oggi, mi sentivo veramente bene. In FP1 ho avuto un buon ritmo e dobbiamo continuare a lavorare in questo modo. Ho bisogno di concentrarmi un po’ di più sulle linee, ma non c’è molto su cui lavorare. Dobbiamo mettere insieme un buon giro per le qualifiche e quindi assicurarci di essere pronti per la gara. Spero che rimarrà asciutto, perché ho avuto un buon feeling, ma in Giappone, quando sono salito sulla moto con gomme da bagnato mi sono sentito bene. Dobbiamo continuare a lavorare sul set-up che abbiamo adesso, e vediamo cosa succede. Se la gara sarà bagnata, speriamo di riuscire a fare almeno un turno con le stesse condizioni. Il livello di quest’anno è molto più alto e stiamo già spingendo e facendo time attack dalle FP1, quindi è per questo che i tempi sul giro sono così veloci”.

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati