Moto2 | Gp Giappone Gara: Bagnaia, “Ogni punto guadagnato è importante”

Con la vittoria odierna, Pecco è il 6° pilota più vincente nella storia della Moto2

Moto2 | Gp Giappone Gara: Bagnaia, “Ogni punto guadagnato è importante”Moto2 | Gp Giappone Gara: Bagnaia, “Ogni punto guadagnato è importante”

Moto2 Gran Premio di Motegi – La squalifica di Fabio Quartararo (pressione non regolamentare della gomma posteriore), è valsa a Francesco Bagnaia l’ottava vittoria stagionale che lo fa allungare ulteriormente in campionato a +37 da Miguel Oliveira. E’ incredibile pensare ai record ottenuti già dal pilota di Chivasso al suo secondo anno nella categoria intermedia. Dopo aver vinto il titolo di “Rookie dell’Anno” nel 2017, Pecco è ad un soffio dall’eguagliare le nove vittorie di Marc Marquez in Moto2 nel 2012.

L’altro alfiere dello Sky Racing Team VR46, Luca Marini, ha concluso in decima posizione la sua gara condizionata da un problema alla gomma anteriore.

 

Francesco Bagnaia: “Sono molto contento per questa vittoria, anche se comunicata successivamente alla gara. A questo punto della stagione e con il terzo posto di Miguel (Oliveira ndr), ogni punto guadagnato è importante. Considerato il meteo di venerdì, abbiamo fatto un gran lavoro ieri e oggi siamo riusciti a staccare gli avversari. Fabio (Quartararo ndr) è partito davvero forte e ho cercato di tenere il suo passo per aprire il gap. Rispetto alla qualifica, è stato difficile tenere lo stesso ritmo perché qualcosa nell’asfalto era diverso e non c’era lo stesso grip. Andiamo a Philip Island per puntare ancora al massimo su uno dei miei circuiti preferiti”.

Luca Marini: “E’ stata una gara più difficile del previsto: ero veloce, ma nei primi due giri ho commesso qualche errore di troppo e ho dovuto cedere diverse posizioni. In scia poi, succedeva qualcosa di strano sulla gomma anteriore, un aumento anomalo della pressione che mi impediva di inserirmi in curva come volevo e di impostare correttamente la frenata. Non credo fosse un problema legato alla mescola, ma forse al setting. Quando sono riuscito a superare Mir e Schrotter, ho fatto meno fatica e sono riuscito in solitaria ad imporre il mio ritmo risalendo fin al gruppo della Top5. Dobbiamo analizzare i dati e capire esattamente cosa è successo per essere pronti per l’Australia”.

 

 

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Moto2

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati