MotoGP | Gp Thailandia: Meregalli (Yamaha) smentisce la richiesta di cambio regole: “Jarvis frainteso” [Video]

Lin Jarvis, Managing Director Yamaha, aveva parlato della possibilità di un cambio, subito accolta con favore da Suzuki, ma respinta da Ducati

MotoGP | Gp Thailandia: Meregalli (Yamaha) smentisce la richiesta di cambio regole: “Jarvis frainteso” [Video]MotoGP | Gp Thailandia: Meregalli (Yamaha) smentisce la richiesta di cambio regole: “Jarvis frainteso” [Video]

MotoGP Gp Thailandia – Nel corso della prima giornata di libere del Gran Premio della Thailandia quindicesima tappa del Motomondiale 2018, uno dei temi principali è stato la proposta di Lin Jarvis di cambiare il regolamento per permettere uno sviluppo di motore nel corso della stagione.

L’idea del Managing Director della Yamaha aveva trovato riscontro positivo in Davide Brivio, team Manager di Suzuki (qui la news), ma si era scontrata contro un secco no di Davi Tardozzi, Team Manager Ducati (qui la news).

Nel corso del sabato del Gp di Buriram, Mssimo Meregali, team Manager Yamaha, è tornato sulla questione, chiarendo che la Yamaha non ha mai avanzato richiesta, ma che al massimo si è limitata a fare proposte, nono solo sul permettere di sviluppare il motore nel corso della stagione, ma anche per quanto riguarda l’orario in cui si corre (era stato proposto di invertire Moto2 con MotoGP ndr.). Secondo lui il regolamento attuale va bene così così.


MotoGP | Gp Thailandia: Meregalli (Yamaha) smentisce la richiesta di cambio regole: “Jarvis frainteso” [Video]
Vota questo articolo
Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

1 commento
  1. fatman

    6 ottobre 2018 at 12:01

    …figura di m£rd@ ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah
    ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah
    ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah
    ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah
    ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah
    ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah
    ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah
    ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah
    ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah
    ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah
    ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah
    ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah
    ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah
    ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah
    ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah
    ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah
    ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah
    ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah
    ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah
    ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati