MotoGP | Gp Misano: Ciabatti (Ducati), “Stoner? Credo che la situazione sia ancora aperta” [VIDEO]

Il Direttore Sportivo di Ducati ha poi aggiunto: "Nei prossimi giorni ci sentiremo per capire quali sono le intenzioni per il futuro"

MotoGP | Gp Misano: Ciabatti (Ducati), “Stoner? Credo che la situazione sia ancora aperta” [VIDEO]MotoGP | Gp Misano: Ciabatti (Ducati), “Stoner? Credo che la situazione sia ancora aperta” [VIDEO]

MotoGP Gp San Marino Ducati – Alla vigilia del Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimini, Casey Stoner aveva rilasciato alcune dichiarazioni riguardanti il suo ruolo di collaudatore in Ducati, parole che lasciavano intendere, poco velatamente, un possibile divorzio a fine stagione.

Oggi Paolo Ciabatti, Direttore Sportivo di Ducati, intervistato da Sky Sport MotoGP ha fatto il punto su quella che è la situazione con il pilota australiano ammettendo di comprendere il punto di vista del due volte campione del mondo, non escludendo la possibilità di continuare a lavorare insieme. (Qui le parole di Casey Stoner)

Queste le parole di Paolo Ciabatti: “In realtà ho letto oggi la versione originale dell’intervista di Stoner, in cui dice di sentirsi pronto a tornare in moto per fare test ma dove anche ammette di non essere del tutto contento. La moto che vediamo oggi in pista, la GP18, che è una delle più competitive, è frutto del lavoro di tante persone. Chiaramente, in primis dal lavoro dei nostri ingegneri che hanno tenuto conto dei feedback dei nostri piloti, di Pirro e di Stoner, che disse la sua nei test che fece a inizio anno. Purtroppo l’operazione, che era prevista e non era rimandabile, lo tiene fuori dalla possibilità di tornare in pista. Ci siamo incontrati al WDW e ci siamo dati appuntamento a metà settembre, quindi nei prossimi giorni, al telefono. Per capire quali sono le intenzioni per il futuro. Credo che al situazione sia aperta, ma, senza nascondermi dietro ad un dito, dalle sue dichiarazioni dice che non da tutte le sue indicazioni si sia tenuto conto nel modo dovuto. Gli ingegneri raccolgono tutto, mettono in fila le priorità in base alle esigenze. Ripeto, la moto è competitiva ed è frutto di tante persone.”


Vota questo articolo
Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati