MotoGP | Gp Austria: Il Project Leader di Yamaha, Kouji Tsuya, si scusa con Rossi e Vinales [Video]

"A nome della Yamaha mi sento di dover chiedere scusa, stiamo lavorando" ha detto Tsuya

MotoGP | Gp Austria: Il Project Leader di Yamaha, Kouji Tsuya, si scusa con Rossi e Vinales [Video]MotoGP | Gp Austria: Il Project Leader di Yamaha, Kouji Tsuya, si scusa con Rossi e Vinales [Video]

MotoGP Gp Austria Qualifiche Yamaha – Che il Gran Premio d’Austria potesse mettere in difficoltà la Yamaha era abbastanza chiaro già dopo i test di Brno, quando i tanto attesi aggiornamenti dell’elettronica non sono arrivati. Ma nessuno si aspettava un tale disastro.

I due alfieri della casa di Iwata, Maverick Vinales e Valentino Rossi, scatteranno rispettivamente dall’undicesima e quattordicesima casella. Per trovare un risultato così pessimo bisogna tornare indietro fino al 2007, per la precisione al Gran premio di Valencia.

Dopo una tale debacle è ovvio che qualcosa vada cambiato, così nel momento di maggiore difficoltà è il Project Leader di Yamaha, Kouji Tsuya, a cospargersi il capo di cenere e chiedere pubblicamente scusa, nel corso della conferenza stampa, ai due piloti: Valentino Rossi e Maverick Vinales.

“La Yamaha sperimenta problemi di erogazione della potenza che mettono i nostri piloti in condizione di non rendere.” Dice Kouji Tsuya, che poi aggiunge: “A nome della Yamaha mi sento di dover chiedere scusa ai nostri piloti che in questa gara partono indietro e che hanno affrontato grandi difficoltà. Vi posso dire che stiamo lavorando, da subito, e continueremo a farlo senza sosta, sia oggi che domani che nel giorni che verranno”


MotoGP | Gp Austria: Il Project Leader di Yamaha, Kouji Tsuya, si scusa con Rossi e Vinales [Video]
5 (100%) 2 vote[s]
Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

1 commento
  1. Avatar

    TONYKART

    12 agosto 2018 at 00:16

    Più che scuse mi sembra che hanno voluto rispondere pubblicamente a rossi che li ha sputt@n@ti dicendo che non lavoravano e investivano soldi

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati