MotoGP | Gp Austria Day 1: Petrucci, “Il problema? Quello più grande è Marquez” [Video]

Il pilota ternano ha chiuso la prima giornata di libere con il terzo tempo

MotoGP | Gp Austria Day 1: Petrucci, “Il problema? Quello più grande è Marquez” [Video]MotoGP | Gp Austria Day 1: Petrucci, “Il problema? Quello più grande è Marquez” [Video]

MotoGP Gp Austria Ducati Pramac Day 1Danilo Petrucci ha chiuso la prima giornata di libere sul circuito di Spielberg, dove domenica si correrà il Gran Premio d’Austria con il terzo tempo.

Il pilota ternano nel primo turno di libere ha chiuso alle spalle solo dei compagni di marca, Andrea Dovizioso e Jorge Lorenzo, mentre al termine delle FP2, fortemente condizionate dalla pioggia, ha replicato lo stesso risultato, questa volta però alle spalle di Marc Marquez e Scott Redding.

Queste le parole di Danilo Petrucci: “Devo dire che le Ducati vanno bene sul bagnato, e stamattina anche sull’asciutto. Dopo i test di Brno abbiamo trovato qualcosa che possiamo usare anche qui e stiamo usando la moto in una maniera differente. Con il circuito bagnato era molto pericoloso, c’era molta acqua è c’è il pericolo che la moto ti sfugga da sotto le gambe quando sei in sesta piena. Abbiamo paura che domani piova in qualifica quindi abbiamo approfittato di questa sessione per raccogliere dati. Siamo veloci ma c’è il problema Marquez che va forte in tutte le condizioni e per la gara sarà lui uno dei più veloci. Io non ho spinto per fare il tempo perché è cominciato a piovere tanto. Speriamo che le prossime sessioni siano asciutte per finire di sistemare la moto. Mi manca ancora un po’ di stabilità in frenata. Qui ci sono lunghi rettilinei e curve strette subito dopo, bisogna frenare forte e nel punto preciso. Guadagnare un po’ di velocità nelle curve strette può fare la differenza e li mi piacerebbe migliorare, speriamo di riuscirci per stare con i migliori”.


MotoGP | Gp Austria Day 1: Petrucci, “Il problema? Quello più grande è Marquez” [Video]
Vota questo articolo
Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati