MotoGP | Gp Austria Conferenza Stampa: Rossi, “Pista ostica, ma ricordo con piacere il primo podio”

Rossi ha aggiunto: "Rispetto a qualche anno fa le gomme fanno la differenza"

MotoGP | Gp Austria Conferenza Stampa: Rossi, “Pista ostica, ma ricordo con piacere il primo podio”MotoGP | Gp Austria Conferenza Stampa: Rossi, “Pista ostica, ma ricordo con piacere il primo podio”

MotoGP Gp Austria Conferenza StampaValentino Rossi ha parlato durante la conferenza stampa di presentazione del Gran Premio d’Austria, undicesima tappa del Motomondiale 2018 che si disputerà domenica al Red Bull Ring.

Il pesarese non è mai andato a podio su questa pista, che sulla carta sembra quasi proibitiva per le Yamaha. I recenti test di Brno non hanno portato grandi novità, a lui la parola.

“E’ una pista molto difficile, l’anno scorso è stato difficile. Qui non sono mai salito sul podio con la MotoGP, anche se nel 2016 la gara non andò malissimo. Dobbiamo cercare di fare ogni cosa al massimo in modo da essere più forti possibili – ha detto Valentino Rossi – Sulla carta non è comunque la pista adatta a noi. Veniamo da Brno dove ho perso il podio perchè i primi tre erano più veloci. Lunedi abbiamo lavorato tanto ma non abbiamo trovato niente di nuovo. Le previsioni meteo non sono positive per domenica quindi dobbiamo preparaci a tutto. Non so se in futuro arriverà qualcosa di nuovo. Per noi il problema è chiaro ma è importante che la Yamaha lavori. Lunedì abbiamo provato alcune cose, ma speriamo di riuscire a migliorare prima della fine di stagione.”

Parlando del passato Rossi ha poi aggiunto: “Ricordo il mio primo podio qui nel 1996, fu il primo in carriera, era la stagione d’esordio. Ero forte nelle gare europee, avevo perso il podio diverse volte prima di arrivare qui. Fu un momento molto difficile. La gara fu estrema dovetti lottare parecchio e all’ultimo giro fu una battaglia molto dura, ma fu un grande momento.”

Tornando al presente ha detto: “Penso che quando uno è bravo con l’assetto trovi il massimo potenziale e credo che questo è quello che abbiamo fatto la maggior parte delle volte. A livello di assetto non possiamo fare meglio, potremmo provare la gomma soft, ma faremmo 10 giri in testa poi finiremmo dietro. Dobbiamo fare il nostro lavoro e cercare di migliorare. Per me prima ci si poteva concentrare più sul set up della moto nelle libere, poi il tempo sul giro ci pensavi solo in qualifica.

Negli ultimi 10 minuti in ogni sessione bisogna spingere come in qualifica, perchè se sei fuori dalle Q1 il weekend è finito. Non dipende da noi, le regole sono così. Secondo me la differenza con le gare di qualche anno fa la fanno le gomme, con le Michelin bisogna gestire i primi giri per arrivare con un po’ di gomma alla fine. Per quanto riguarda la nuova carena è diversa nel design rispetto all’altra ma quando guidi non senti una grande differenza. Ma Brno è un tracciato particolare, dove non serve molto, ma se la omologhiamo poi non possiamo più cambiarla.”

MotoGP | Gp Austria Conferenza Stampa: Rossi, “Pista ostica, ma ricordo con piacere il primo podio”
Vota questo articolo
Leggi altri articoli in In evidenza

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati