MotoGP | Gp Germania: Dovizioso in pista con la zavorra [VIDEO]

Nel terzo turno di libere è comparso un 'peso' sulla moto del forlivese, cerchiamo di capire a cosa serve

MotoGP | Gp Germania: Dovizioso in pista con la zavorra [VIDEO]MotoGP | Gp Germania: Dovizioso in pista con la zavorra [VIDEO]

MotoGP Gp Germania – E’ da poco terminato sul circuito del Sachsenring, nona tappa del Motomondiale 2018, il terzo turno di libere della MotoGP.

Oltre ai risultati in pista ad attirare l’attenzione di molti è stata la comparsa di una ‘zavorra’ sulla moto di Andrea Dovizioso. Il peso è di circa un chilo ma la particolare posizione è stata la cosa che ha attirato la curiosità degli inviati di Sky Sport MotoGP.

Da regolamento le moto hanno un peso minimo da rispettare e quando questo è al disotto di tale soglia è ‘usanza’ utilizzare dei pesi per rientrare nei parametri. Solitamente si ‘gioca’ molto con questi visto che un diverso posizionamento permette di andare a modificare il bilanciamento della moto e quindi la dinamica della stessa. Quello che si è riuscito a capire è che le Ducati, in particolare le GP18, hanno normalmente la zavorra posizionata nel codone, nascosta dalla ‘scatola nera’. All’interno della ‘Salad Box’, come la chiamano gli inglesi, però non c’è solo quello, ma questo è ancora un mistero.

Tornando alla zavorra, quindi, ci sono diverse ipotesi. Potrebbe essere stata aggiunta, oppure potrebbero aver spostato quella già presente. A cosa serve? Anche in questo caso ci sono diverse ipotesi. Vista la posizione potrebbe aiutare a far lavorare meglio la gomma posteriore, oppure, vista l’altezza a cui è posta, potrebbe servire a rendere la moto più stabile nel dritto. Questa ultima ipotesi potrebbe essere supportata dal lavoro fatto ieri nel box del forlivese, quando è stata modificata la lunghezza del forcellone. Quindi, rimanendo nel campo delle ipotesi, in Ducati potrebbero aver accorciato il forcellone, rendendo la moto meno stabile nel dritto ma più agile in curva e aggiunto una zavorra nel tentavo di recuperare parte di quella stabilità.

Intervistato Da Sky, Davide Tardozzi, team Manager Ducati, si è limitato a dare una ‘non risposta’: “E’ qualcosa che serve a generare reazioni nella moto che cambiano il feeling che ha il pilota”.


Vota questo articolo
Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati