SBK | Geico US Round: Rea e Sykes in cerca di riscatto

La coppia Kawasaki è reduce da una gara da dimenticare a Brno

SBK | Geico US Round: Rea e Sykes in cerca di riscattoSBK | Geico US Round: Rea e Sykes in cerca di riscatto

Il Campionato Mondiale MOTUL FIM Superbike si prepara ad affrontare l’ottavo round della stagione, in programma questo fine settimana a Laguna Seca, una pista che entusiasma i due piloti Kawasaki Jonathan Rea e Tom Sykes (Kawasaki Racing Team WorldSBK).

Entrambi hanno infatti ottimi ricordi di vittorie e di grandi prestazioni su questa pista: sperano quindi di avere l’occasione di lasciarsi alle spalle la seconda gara del round a Brno dove entrambi i sono caduti nei primi giri e sono rimasti fuori dai punti per la prima volta da quando sono diventati compagni di squadra nel 2015.

L’episodio ha anche lasciato una coda di polemiche per il fatto che il ritiro di Rea sia avvenuto a seguito di un contatto proprio con Sykes: gli animi comunque si sono rasserenati a freddo, dopo dichiarazioni abbastanza pungenti subito dopo la corsa.

Rea spera di vincere quest’anno dopo i successi ottenuti nel 2016 e nel 2017, anche se è consapevole che in questa stagione la competitività è aumentata: il campione in carica arriva a Laguna con un bottino di appena sei vittorie, il peggior risultato da quando è in Kawasaki.

“Laguna Seca è un grande evento per la Superbike e sono entusiasta di tornare dopo Brno, dove siamo stati molto forti” – dice Jonathan Rea – “Il circuito in sé è molto impegnativo e dobbiamo concentrarci sul venerdì per capire la moto e far sì che possiamo lottare per le vittorie. La prima curva è una delle più elettrizzanti di tutti i circuiti e già non vedo l’ora di fare il mio primo giro!”

Anche Tom Sykes non vede l’ora di confrontarsi con un tracciato tanto suggestivo quanto impegnativo, su cui ha collezionato tre successi nel 2013, 2014 e 2016): “In posti come curva uno bisogna essere precisi al millimetro. In altre curve, compreso il culmine del Cavatappi, ci sono alcuni ingressi ciechi. È un circuito molto corto ed impegnativo, quindi non ci si può rilassare. Bisogna sempre essere al massimo. L’intero viaggio negli USA è un piacere ed i fan sono assolutamente fantastici. Laguna Seca è un circuito che sprigiona adrenalina e fa scorrere il sangue nelle vene”.

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Superbike

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati