MotoGP | Suzuki Day 2018: Andrea Iannone, “Non mi aspettavo tutto questo affetto”

Il pilota abruzzese ha aggiunto: "Questi eventi fanno capire quanto siamo importanti per le persone"

MotoGP | Suzuki Day 2018: Andrea Iannone, “Non mi aspettavo tutto questo affetto”MotoGP | Suzuki Day 2018: Andrea Iannone, “Non mi aspettavo tutto questo affetto”

Suzuki Day 2018 – Andrea Iannone, rider Suzuki MotoGP, è rimasto positivamente sorpreso dall’affetto avuto dai partecipanti al Suzuki Day 2018, svoltosi presso il circuito di San Martino del Lago vicino a Cremona.

Al suo fianco anche Kevin Schwantz, che per l’abruzzese aveva avuto parole dure in passato, accusando Iannone di non spingere al massimo e di pensare più alla sua “figura” che non alla pista.

Iannone, fresco del podio ottenuto nella gara di Austin, in Texas, è stato felice di unirsi all’evento ed ha visto i tanti fan presenti festeggiare questo risultato. Nella “sessione” dedicata agli autografi, è stato letteralmente preso d’assalto.

Ma il clou dell’evento è stata la grande parata dei piloti, quando più di 400 moto, guidate da Iannone e Schwantz hanno percorso paio di giri del circuito di Cremona, terminando con una foto di gruppo che formava la “S” di Suzuki. Iannone ha anche provato la GSX-R1000R che aveva già apprezzato in passato, così come una demo drive nella nuova Suzuki Swift Sport.

“Non mi aspettavo un grande evento in Italia e devo dire che sono rimasto sorpreso dall’affetto che ho avuto al Suzuki Day di Cremona. Il paddock era pieno di gente. Abbiamo incontrato molti fan, ho subito perso il conto di quanti autografi ho firmato e questo dimostra ancora una volta l’affetto verso il marchio Suzuki – ha detto Andrea Iannone – Le moto sono incredibili, abbiamo fatto alcuni giri del circuito con più di 400 persone e sono stato “toccato” dall’affetto ricevuto. Questi eventi sono importanti perché mi fanno capire davvero quanto siamo importanti per le persone e ci rendiamo conto di quanto loro lo siano per noi. Quando siamo nei GP è molto più difficile sentire la loro vicinanza, questo a causa del programma serrato e dell’attenzione che dobbiamo tenere in gara.”

Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati