MotoGP | Con l’arrivo delle gare europee, il mercato piloti entra nel vivo

Il punto sul mercato prima del Gp di Jerez

MotoGP | Con l’arrivo delle gare europee, il mercato piloti entra nel vivoMotoGP | Con l’arrivo delle gare europee, il mercato piloti entra nel vivo

MotoGP Mercato piloti – L’arrivo del Motomondiale 2018 in Europa significa anche maggiore attività sul mercato, per non farsi trovare impreparati abbiamo fatto una breve sintesi. Andiamo con ordine

Yamaha – Il team ufficiale di Iwata è l’unica squadra al momento ad avere completato la line up per la prossima stagione, riconfermando Maverick Vinales e Valentino Rossi.

Honda – Marc Marquez ha già rinnovato il contratto, mentre il sellino di Dani Pedrosa ancora vacilla. Tanti sono i pretendenti per la seconda moto dello spagnolo, tra tutti Zarco, ma la casa dell’ala dorata sembra avere un piano. A quanto pare, l’intenzione è rinnovare il contratto del #26 per un’altra stagione per poi liberarsi e accogliere a braccia aperte il campione del mondo in carica della Moto3, Joan Mir. Una mossa interessante, una sorta di preparativo per il dopo Marquez.

Suzuki – Ancora niente di ufficiale ma Alex Rins è prossimo al rinnovo, potrebbe essere annunciato a Jerez. Vacilla la posizione di Andrea Iannone, ma dopo il podio ad Austin ha guadagnato punti. La sua permanenza ad Hamamatsu dipende sia da lui che da quello che farà Jorge Lorenzo. Per lo spagnolo sono pronti 6/7 milioni. Per la Suzuki c’è anche la trattativa con Marc VdS in gioco, anche in questo caso, Jerez potrebbe essere il weekend decisivo.

Ducati – A quanto pare sono in corso le trattative per il rinnovo di Andrea Dovizioso, non senza “polemiche” a causa dell’offerta di Borgo Panigale al di sotto delle richieste del forlivese. Con Jorge Lorenzo, invece, non sembra ancora partito un dialogo. Il maiorchino come detto sopra ha pronta l’offerta della Suzuki, che probabilmente sarà più alta di quanto offrirà la Ducati, ma al #99 quanto conviene lasciare una moto vincete per ricominciare tutto da capo? Il feeling con la GP18 è lontano e forse la possibilità di guidare una moto simile alla sua vecchia M1 potrebbe essere allettante. Al posto dello spagnolo sono pronti Danilo Petrucci e l’arrembante Jack Miller.

Aprilia – Entrambi i piloti sembrano essere a rischio. L’adattamento di Scott Redding alla moto di Noale non sembra partito con il piede giusto mentre Aleix Espargarò non sta soddisfacendo il responsabile del reparto corse di Aprilia, Romano Albesiano. La posizione dello spagnolo però potrebbe essere al sicuro grazie alla sua esperienza, mentre al posto del pilota britannico, due sono i piloti in pole: Danilo Petrucci e Andrea Iannone.

KTM – Ufficialmente ancora tutto da decidere, ufficiosamente è stato rinnovato il contratto di Pol Espargarò e ingaggiato Johann Zarco. A meno di colpi di scena questa dovrebbe essere la line up del 2019. Ma attenzione, mancando ancora la firma potrebbe essere tutto stravolto magari da Dani Pedrosa, che magari infastidito dal comportamento di Honda, che a quanto pare lo vuole trattare da tappa buchi, potrebbe decidere di cambiare “vita”

Marc VdS – Franco Morbidelli è già sistemato, grazie al contratto biennale firmato lo scorso anno, a cui va aggiunto un opzione di un anno. Il team belga sembra essere pronto a rimpiazzare Thomas Luthi con Alex Marquez, che già corre per lo stesso team in Moto2.

Tech3 – Con l’accordo con KTM, la squadra francese potrebbe diventare uno junior team della casa austrica. Una sella è “prenotata” da Miguel Oliveira, attualmente pilota KTM in Moto2, mentre l’altra potrebbe essere affidata ancora ad Hafiz Syahrin, che nonostante sia stato “catapultato” in classe regina a metà inverno, non sta facendo male.

LCR – Takaaki Nakagami è sotto contratto HRC anche per la prossima stagione. Cal Crutchlow vorrebbe sbarcare nella squadra ufficiale ma sarà dura. Con molta probabilità anche il prossimo anno sarà nel team di Lucio Cecchinello.

Alma Ducati Pramac – Il contratto di Jack Miller scadrà al termine della stagione, ma avendo un opzione anche per il 2019 la sua permanenza nel team senese è quasi scontata. Sulla seconda moto salirà Francesco Bagnaia.

Avintia – Tito Rabat Dovrebbe essere riconfermato, mentre Xavier Simeon ha un contratto fino alla fine del 2019

Angel Nieto Team – Il posto di entrambi i piloti potrebbe essere a rischio. Sia Alvaro Bautista che Karel Abraham rischiano di doversi trovare un’altra sella. Lo spagnolo potrebbe avere qualche possibilità in più di rimanere ma qui tutto deve essere ancora deciso.

Per quanto riguarda gli ultimi due team, la scelta dei piloti arriverà di conseguenza con la scelta della moto. Attualmente entrambe le squadre sono con Ducati, ma una delle due potrebbe diventare team satellite Yamaha.

Leggi altri articoli in In evidenza

Lascia un commento

1 commento
  1. Avatar

    V.D.S

    30 Aprile 2018 at 17:06

    Danno per certo “ueueueue” alla Tech 3!

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati