MotoGP | Gp Stati Uniti Preview: Dovizioso, “Conosciamo i nostri punti forti, ma sappiamo anche dove migliorare”

Il forlivese è reduce dalla sesta posizione di Termas, ma nella pista texana spera di rifarsi

MotoGP | Gp Stati Uniti Preview: Dovizioso, “Conosciamo i nostri punti forti, ma sappiamo anche dove migliorare”MotoGP | Gp Stati Uniti Preview: Dovizioso, “Conosciamo i nostri punti forti, ma sappiamo anche dove migliorare”

MotoGP Gp Austin Ducati – Dopo il sesto posto a Termas de Rio Hondo, Andrea Dovizioso è pronto al riscatto al Gp delle Americhe, in programma per questo fine settimana.

Il circuito di Austin non si adatta perfettamente alle caratteristiche della Ducati, una pista dove Ducati ha ottenuto buoni risultati ma dove non ha ancora vinto. Il forlivese, su questa pista, ha come miglior risultato un secondo posto ottenuto nel 2015. Lo scorso anno, invece, non riuscì ad andare oltre la sesta piazza.

Attualmente il forlivese della Ducati è secondo il classifica mondiale, alle spalle solo di Cal Crutchlow.

Queste le parole di Andrea Dovizioso: “A Termas siamo riusciti a portare a casa una sesta posizione, un risultato sotto le nostre aspettative ma positivo nell’ottica del campionato, e adesso arriviamo a Austin, che è una pista molto bella ma piuttosto difficile. Dovremo valutare le condizioni dell’asfalto, perché l’anno scorso era abbastanza sconnesso, e anche le gomme, che possono influenzare molto il weekend. In ogni caso conosciamo bene i nostri punti di forza e sappiamo dove invece dobbiamo ancora migliorare, e sarà importante iniziare a lavorare bene fin dalla prima sessione per prepararci al meglio per la gara.”

Foto: Alex Farinelli

MotoGP | Gp Stati Uniti Preview: Dovizioso, “Conosciamo i nostri punti forti, ma sappiamo anche dove migliorare”
5 (100%) 1 vote[s]
Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

1 commento
  1. Avatar

    rolando gassoso

    19 aprile 2018 at 21:45

    Tanto gli unici che possono fare la differenza sono Lorenzo e Marchetto. Chi nel bene che nel male

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati