MotoGP | Test IRTA Qatar Day 3, ore 15.00: Petrucci e Dovizioso davanti alle Honda

Il vento forte sta creando diversi problemi, caduti: Valentino Rossi, Takaaki Nakagami e Franco Morbidelli

MotoGP | Test IRTA Qatar Day 3, ore 15.00: Petrucci e Dovizioso davanti alle HondaMotoGP | Test IRTA Qatar Day 3, ore 15.00: Petrucci e Dovizioso davanti alle Honda

MotoGP Test IRTA Qatar Day 3 – La terza e ultima giornata di test della MotoGP sul tracciato di Losail è iniziata a “rallentatore”, a causa del forte vento che ha portato sporco e sabbia sulla pista.

I primi piloti a scendere in pista, nel primo pomeriggio italiano, sono stati Cal Crutchlow e Jorge Lorenzo.

Il forte vento continua tuttora a sferzare il circuito del Qatar creando non pochi problemi ai piloti. Al momento da segnalare le cadute di: Valentino Rossi, Takaaki Nakagami e Franco Morbidelli, fortunatamente tutte senza conseguenze.

Alle 15 (ora italiana) in cima alla classifica dei tempi c’è la Ducati di Danilo Petrucci, che con un tempo eccezionale, viste le condizioni, ha rifilato poco meno di mezzo secondo al compagno di marca Andrea Dovizioso, che finora ha completato 14 tornate.

Alle spalle delle due Rosse troviamo le Honda di Cal Crutchlow e Dani Pedrosa. Continua a crescere la Suzuki. Ieri il miglior tempo di giornata fatto registrare da Andrea Iannone, oggi Alex Rins si conferma nelle posizioni che contano facendo registrare il quinto crono. Da segnalare l’attuale assenza del pilota di Vasto a causa di problemi fisici.

Sesto tempo per la prima delle Yamaha, quella i Johann Zarco, tallonato da Marc Marquez e dal compagno di marca Valentino Rossi.

Jorge Lorenzo, in pista con carena senza ali, e un ottimo Scott Redding completano la top ten.

Ancora problemi per Maverick Vinales dodicesimo, mentre il nostro Franco Morbidelli è attualmente quindicesimo.

motogp-test-qatar-day-3-ore-15tempi-2018

MotoGP | Test IRTA Qatar Day 3, ore 15.00: Petrucci e Dovizioso davanti alle Honda
Vota questo articolo
Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati