MotoGP Sepang FP2: Dovizioso si conferma al comando, risale Marquez, rinascita Ducati, Rossi sesto

Il pilota forlivese della Ducati ha preceduto Marquez e Lorenzo, Petrucci quinto

MotoGP Sepang FP2: Dovizioso si conferma al comando, risale Marquez, rinascita Ducati, Rossi sestoMotoGP Sepang FP2: Dovizioso si conferma al comando, risale Marquez, rinascita Ducati, Rossi sesto

Gp Malesia Sepang MotoGP Prove Libere 2 – La pioggia è tornata a “tormentare” la MotoGP, dopo che in Australia (almeno in gara) c’era stata una tregua, mentre a Motegi, il  weekend era stato disputato dal venerdì alla domenica con l’asfalto bagnato.

Dopo una prima sessione di prove libere asciutta (Dovizioso il più veloce, clicca qui per il report), le free practice 2 hanno visto i piloti scendere in pista con pneumatici rain e il più veloce in queste condizioni è stato ancora Andrea Dovizioso, che ha portato la Ducati Desmosedici GP17 in vetta con il crono di 2:11.640.

Il pilota forlivese ha preceduto di più di mezzo secondo il leader della classifica iridata Marc Marquez (che ha 33 punti di vantaggio su “DesmoDovi”), che già a Sepang potrebbe centrare il sesto titolo in carriera, il quarto nella MotoGP (leggi qui le combinazioni che regalerebbero il titolo a Marquez).

Terzo tempo per un’altra Ducati, quella del maiorchino Jorge Lorenzo, staccata dalla vetta di 1.055. Lorenzo precede il connazionale della Yamaha Maverick Vinales e la Ducati di Danilo Petrucci, una Ducati che dopo la debacle di Phillip Island, ritrova il sorriso sul circuito malese.

Valentino Rossi, stamattina dodicesimo sull’asciutto, ha centrato il sesto tempo a 1.431s da Dovizioso. Il campione della Yamaha è davanti alla Ducati di Alvaro Bautista, alle Suzuki di Alex Rins e Andrea Iannone e all’Aprilia di Sam Lowes, con la casa di Noale che schiera il solo pilota britannico, visto il forfait per frattura alla mano sinistra di Aleix Espargarò, frattura causata da una caduta nella gara di Phillip Island.

Tornando a Iannone sembrerebbe (il condizionale è d’obbligo vista la mancanze di immagini chiare) aver causato il contatto tra Hector Barberà e Maverick Vinales, costato a Barberà una caduta, fortunatamente risoltasi senza conseguenze.

Johann Zarco, grande protagonista a Phillip Island ha chiuso undicesimo e vittima di una caduta senza conseguenze.

Ancora grandi problemi per Dani Pedrosa, diciottesimo e davanti al debuttante Michael van der Mark (rider Yamaha Superbike), che sostituisce Jonas Folger in sella alla M1 del Team Tech.

Foto: Alex Farinelli

Prove Libere 2 Sepang - GP Malesia - I tempi

Pos Num Pilota Moto Team Tempo Gap

Risultati non ancora disponibili.


Sepang - GP Malesia - Risultati Prove Libere 2

Clicca qui per entrare nella sezione Risultati e vedere tutte le statistiche

MotoGP Sepang FP2: Dovizioso si conferma al comando, risale Marquez, rinascita Ducati, Rossi sesto
Vota questo articolo
Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

4 commenti
  1. fatman

    27 ottobre 2017 at 14:38

    ….ma cosa ce ne frega del geriatra che non è in lotta per il campionato da anni…

  2. TONYKART

    27 ottobre 2017 at 14:53

    C è un giornalismo idiota che lo deve mettere in mezzi a tutto ,anche ai lutti ,mi fanno pena..

  3. supermariacion

    27 ottobre 2017 at 15:40

    Hahahahhaha lo fanno per far rosikare i magnam3rda come voi….e ci riescono pure bene hahahahahahahahhahahhhahahahahha ciao buongustai!!!

    • fatman

      27 ottobre 2017 at 18:03

      …ma non sei tu che fai scarpetta nel piattone di m@rd@ serale? ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah
      ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah
      ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah
      ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah
      ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah
      ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah
      ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah
      ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah
      ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah
      ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah
      ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah
      ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah
      ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah
      ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah…

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati