MotoGP: Valentino Rossi è tornato in sella a Misano, “comunicato ufficiale”

Quella che sembrava essere solo una voce, si è rivelata reale. Mercoledì la decisione se tornare in pista ad Aragon

MotoGP: Valentino Rossi è tornato in sella a Misano, “comunicato ufficiale”MotoGP: Valentino Rossi è tornato in sella a Misano, “comunicato ufficiale”

MotoGp Valentino Rossi – Quelle che sembravano essere solo indiscrezioni, sono state confermate da un comunicato ufficiale della Yamaha. Oggi Valentino Rossi è tornato in sella a una moto a soli 20 giorni dall’incidente con la moto da Enduro, in cui si fratturò tibia e perone.

Un recupero da Guinness dei primati per il pilota di Tavullia, che in meno di 20 giori non solo è tornato a camminare ma è anche riuscito a completare diversi giri in sella alla sua R1-M. Ricordiamo che nel 2010, quanto subì lo stesso infortunio, ci volle il doppio del tempo prima di rivederlo in sella ad una moto.

In teoria l’appuntamento era fissato per martedì, ma a causa delle previsioni meteo incerte ha deciso di anticipare al tardo pomeriggio di oggi. Purtroppo, però, nonostante la premura, la prova di oggi è stata “accorciata” dalla pioggia caduta sul circuito romagnolo, si parla di pochi passaggi, cosa che ha impedito al 9 volte iridato di portare a termine tutta la sessione preventivata. Non è stato quindi possibile portare a termine una valutazione fisica dettagliata, ma, come riportato nel comunicato, mercoledì verrà presa la decisione se tentare di prendere parte al Gran Premio di Aragon, in programma per questo fine settimana.

comunicato valentino rossi

Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

4 commenti
  1. Avatar

    supermariacion

    18 Settembre 2017 at 22:22

    Boia chi molla!

  2. Avatar

    cujo

    19 Settembre 2017 at 00:00

    Dite quello che volete…. ma questo personaggio, è intramontabile…..

  3. Avatar

    V.D.S

    19 Settembre 2017 at 10:04

    E’tutta la categoria dei piloti ad essere speciale,Rossi indipendentemente da come andrà il test,è solo l’ultimo,in ordine di tempo a dimostrare quanto questi ragazzi siano da una parte dei “fuori di testa”,e dall’altra dei veri guerrieri senza paura.
    La storia è piena di imprese al limite della follia,da Sheene che si rompeva la clavicola al sabato e si faceva immobilizzare la spalla per correre alla domenica,a Scwantz,da Capirossi che ha più chiodi in corpo di una gomma..da forte innevamento,a Bayliss che si fa tagliare un dito per correre,oppure Berger che va a correre col collare e una vertebra rotta,o Zanardi che è un vero e proprio superman!
    Al di la di ogni faziosità questi ragazzi meritano RISPETTO per quanto sono in grado di fare,e se Rossi riuscisse a tornare ad Aragon sarebbe l’ennesima bella storia che solo il motorsport è in grado di offrire.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati