SBK, Prosecco DOC Portuguese Round, Gara2: ottimi risultati per il team Milwaukee

Quarto e sesto posto finale per Laverty e Savadori

SBK, Prosecco DOC Portuguese Round, Gara2: ottimi risultati per il team MilwaukeeSBK, Prosecco DOC Portuguese Round, Gara2: ottimi risultati per il team Milwaukee

Il Milwaukee Aprilia chiude il decimo round del Campionato Mondiale delle derivate di serie con degli ottimi risultati che dimostrano come la RSV4 Aprilia si sia adattata bene al tracciato irregolare di Portimao.

Sabato nella Tissot Superpole Eugene Laverty e Lorenzo Savadori hanno ottenuto rispettivamente il secondo e terzo miglior tempo, i migliori risultati finora per il team, ma Gara1 è stata difficile A causa di problemi di grip al posteriore.

Gara2 ha visto entrambi i piloti scattare dalla seconda fila, Laverty quarto e Savadori quinto, con l’irlandese che è riuscito a conservare la posizione fino alla bandiera a scacchi, per quello ch è il suo miglior risultato del 2017.
Savadori invece dopo aver rimontato su Mercado, non è riuscito a superare Torres e ha chiuso in sesta posizione.

“La Superpole è andata bene e la moto è stata buona per l’intera sessione, e per un giro in particolare” – ha riflettuto Eugene Laverty – “Eravamo davvero forti e sapevamo che potevamo esserci questo fine settimana. Gara1 è stata deludente e ho capito fin dall’inizio che sarebbe stato difficile con il posteriore. I piloti che mi passavano avevano una presa maggiore sul posteriore, quella è un’area in cui dobbiamo migliorare. Gara2 è stata sicuramente migliore per noi. Mi ha preoccupato il posteriore che dopo i primi giri è stato come in Gara1, ma oggi abbiamo svolto una buona lotta e quarto è un buon risultato. I progressi che abbiamo fatto durante la notte sono stati grandi e il warm up del mattino è stato fantastico. Abbiamo perso un po’ di ritmo e il grip nelle alte temperature del pomeriggio, ma sono più contento della gara di domenica, abbiamo un motivo per essere ottimisti”.

Savadori ha aggiunto: “La qualifica è andata bene ed ero molto contento di un’altra partenza in prima fila. Abbiamo fatto alcuni buoni cambiamenti alla messa a punto che ci hanno chiaramente aiutati nella qualifica, ma c’è una grande differenza tra il giro singolo e la gara. Ho lottato con il grip al posteriore in Gara1 e questo ha influenzato il mio ritmo, era difficile superare o difendere la posizione. Ero a posto nei primi giri, ma dal quarto giro stava perdendo aderenza. In Gara2 il risultato è stato migliore, ma la mia sensazione sulla moto era peggiore. Ho nuovamente faticato con l’aderenza al posteriore. Ho perso molto tempo all’inizio, ma da metà gara il mio passo era abbastanza forte e avrei potuto lottare per il quarto posto, penso”.

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Superbike

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati