MotoGP Austria, Gara: Espargarò, “La posizione non mi soddisfa, abbiamo il potenziale per stare più avanti”

Il compagno di squadra, Sam Lowes, ha detto: "La prima parte di gara è stata la migliore da quando sono in Aprilia"

MotoGP Austria, Gara: Espargarò, “La posizione non mi soddisfa, abbiamo il potenziale per stare più avanti”MotoGP Austria, Gara: Espargarò, “La posizione non mi soddisfa, abbiamo il potenziale per stare più avanti”

Gp Spielberg MotoGP Red Bull Ring Gara Aprilia – Un week end molto difficile per i due alfieri Aprilia, quello del Gran Premio d’Austria, undicesima tappa del Motomondiale 2017.

Sul Red Bull Ring, entrambi i piloti, a causa di una non bellissima qualifica, sono partiti dalle retrovie.

Aleix Espargarò, scattato dalla ventesima casella, ha chiuso in zona punti, 13esimo. Un risultato che però non mette in dubbio il potenziale della moto di Noale, infatti, il #41, nella seconda parte di gara, è riuscito a mettere in mostra un passo molto competitivo.

Queste le parole di Aleix Espargarò: “Ho sofferto molto, specialmente all’inizio quando mi sono ritrovato praticamente ultimo. Facevamo fatica nelle accelerazioni da bassa velocità, quindi dovevo recuperare terreno in staccata. Dopo qualche giro ho iniziato a sentirmi meglio, sorpassando molti piloti e impostando un buon passo. La posizione finale non mi soddisfa, abbiamo il potenziale per stare molto più avanti, ma credo che il vero problema sia stata la qualifica di ieri. Partire ventesimo, in un circuito come questo, rende tutto più difficile. Abbiamo raccolto punti, non è ovviamente il nostro obiettivo ma nel percorso di crescita una gara sfortunata ci puo’ stare”.

Dall’altra parte del box, Sam Lowes, anche lui scattato dalle retrovie, è stato costretto a gestire tutta la gara l’usura della gomma posteriore, chiudendo in ventesima posizione.

“La prima parte di gara è stata la migliore da quando sono in Aprilia.” Ha detto Sam Lowes, che ha poi aggiunto: “Sia come posizione che come ritmo non ero distante dal mio compagno di squadra, e stavo recuperando. Purtroppo abbiamo scelto la gomma posteriore sbagliata, con la morbida all’inizio mi sentivo bene ma poi il grip è crollato e, sostanzialmente, ho dovuto gestire gli ultimi 12 giri per vedere la bandiera a scacchi. Spiace per il risultato ma è, per noi, una ennesima lezione importante sulla gestione del weekend. Ora penso alla mia gara di casa, Silverstone, dove le motivazioni saranno molto alte”.

Foto: A.Farinelli

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati