Superbike, Geico US Round, Gara1: secondo posto per Jonathan Rea

Il nord irlandese precede il compagno di team Sykes e guadagna punti per il mondiale

Superbike, Geico US Round, Gara1: secondo posto per Jonathan ReaSuperbike, Geico US Round, Gara1: secondo posto per Jonathan Rea

Jonathan Rea e Tom Sykes (Kawasaki Racing Team) archiviano la prima corsa dell’ottavo round della stagione, al Mazda Raceway Laguna Seca, rispettivamente in seconda e terza posizione, .continuando una lotta al titolo mondiale che vede Rea incrementare di 4 punti il suo vantaggio, portandolo a +54.

Entrambi i piloti però speravano in una vittoria: Sykes che partito dalla pole dopo uno straordinario giro in qualifica e Rea che ha lottato con Chaz Davies (Aruba.it Racing – Ducati) a metà gara, senza però riuscire a eguagliarne il ritmo, in difficoltà con l’aderenza al posteriore.

Jonathan Rea pensa ad alcune modifiche in vista di Gara2: “Non sono mai contento di non vincere, ma oggi questo è stato il massimo che potevo fare. Abbiamo faticato davvero in alcune aree, ma sono contento dei nostri sforzi dato che ho dato tutto. A metà gara mi sono sentito molto bene, ma quando siamo arrivati alla fine della gara il mio posteriore aveva davvero poca aderenza. Congratulazioni a Chaz, non ha commesso errori; spero di migliorare domani”.

Al contrario, Sykes ha mostrato un grande passo nei primi dieci giri, accusando problemi dopo la metà della corsa per mancanza di grip al posteriore: anche lui in vista di Gara2 apporterà cambiamenti alla sua ZX-10RR.

“È stato difficile” ha commentato Tom Sykes – “Abbiamo avuto una buona partenza e nei primi 10 giri è andato tutto bene, ma poi ho iniziato a faticare con il posteriore, non so spiegare. I due che mi precedevano hanno fatto una grande gara, abbiamo bisogno di migliorare. Chaz è sempre molto forte qui. Domani dovremo usare la nostra velocità, ce l’abbiamo ma abbiamo poca costanza. Certamente dobbiamo migliorare la messa a punto. Non mi aspetto miracoli, ma qualcosa da migliorare soprattutto con queste alte temperature”.

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Superbike

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati