MotoGP Sachsenring Press Conference: Petrucci, “Ora vado forte anche sull’asciutto”

Il rider ternano del Pramac Racing ha aggiunto: "Sia il meteo che il nuovo asfalto saranno molto importanti"

MotoGP Sachsenring Press Conference: Petrucci, “Ora vado forte anche sull’asciutto”MotoGP Sachsenring Press Conference: Petrucci, “Ora vado forte anche sull’asciutto”

MotoGP GP Germania 2017 Sachsenring Ducati Pramac – Danilo Petrucci arriva al Sachsenring, nona gara e giro di boa del motomondiale 2017, dopo lo splendido podio di Assen, con la vittoria sfuggita a causa dei doppiaggi di Barberà e Rins per soli 63 millesimi. Il rider ternano del Team Pramac Ducati è pronto a disputare un’altra bella gara, in un circuito dove ha sempre ben figurato. Lo scorso anno era in testa sul bagnato, quando una caduta lo aveva estromesso dai giochi. A lui la parola.

“Non mi aspettavo di essere così veloce sull’asciutto ad Assen, ma alla fine ho gestito tutta la gara. La leggera pioggia del finale mi ha aiutato a seguire Vale (Rossi, ndr), ma la moto va bene mi sento ottimista. Lo scorso anno ero stato veloce, ero in testa alla gara ed avevo spinto, poi sono caduto.”

Il meteo sembra inclemente, in più c’è l’incognita nuovo asfalto, cosa ne pensi?

“Sia il meteo che il nuovo asfalto saranno molto importanti, ma sarà uguale per tutti.”

Sei sempre più competitivo e sei “libero” di rischiare essendo lontano in campionato. Cosa ti aspetti da questa gara?

“In campionato sono molto lontano ed è una grande emozione trovarmi qui con piloti in lotta per il titolo, è bello poter lottare con loro anche se sono molto lontano dalla vetta. Il mio obiettivo è concludere la gara, poi vedremo. In passato ero il pilota della pioggia, ora sarà anche per la competitività della moto, ma preferirei una gara asciutta.”

Una domanda poi dai social network. Se la tua ragazza ti chiedesse di smettere cosa risponderesti?

“La lascerei subito! oppure gli potrei dire ‘Vai tu a lavorare‘. Lavoro solo io a casa, dovremo vivere in qualche modo (risate generali, ndr).”

Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati