MotoGP Test Barcellona: Continuano le critiche al layout del circuito

Aspre critiche da parte di: Lowes, Baz e Espargarò che definiscono il circuito pericoloso per le categorie minori. Controcorrente Crutchlow

MotoGP Test Barcellona: Continuano le critiche al layout del circuitoMotoGP Test Barcellona: Continuano le critiche al layout del circuito

MotoGP Test Barcellona layout circuito – Sono in corso in queste ore i test privati sul circuito del Montmelò di Barcellona. In pista ci sono: Ducati, i team satelliti Ducati Avintia e Aspar Ducati, Honda Repsol, Marc VdS, LCR Honda e Aprilia.

Si tratta della prima volta che i piloti della MotoGP provano il nuovo layout del circuito dopo la tragedia dello scorso anno, dove perse la vita Luis Salom.

Nel 2016 la gara si svolse con il layout della Formula 1, mentre questo inverno sono state fatte ulteriori modifiche. In particolare alla chicane composta dalle curve 14 e 15, che rispetto a quella dello scorso anno, è stata anticipata di qualche metro. Per fare chiarezza, nell’immagine sopra: in verde il layout utilizzato durante i test, in rosso la vecchia versione, e in blu la chicane utilizzata lo scorso anno

Già prima che i piloti scendessero in pista, Casey Stoner si era lamentato di questo cambiamento, sostenendo che avessero rovinato uno dei circuiti più belli al mondo. (Qui l’articolo completo)

Dopo la prima giornata di test sono cominciate le lamentele anche da altri piloti della classe regina. Il primo è stato Loris Baz, che attraverso twitter ha espresso il suo pensiero in maniera molto schietta. Lo scorso anno il pilota francese saltò la gara spagnola perché infortunato, quindi questi per lui sono i primi giri dopo le modifiche: “Non pensavo che si potresse fare una pista che non mi piacesse tanto quanto Sachsenring ma ora il tracciato di Catalunya è allo stesso livello. Che vergogna!. La sicurezza innanzitutto! Ma per me è m***a ora! Avrebbero dovuto spendere qualche soldo per allungare le vie di fuga”

Al coro degli scontenti si sono aggiunti anche i due piloti Aprilia, che a Crash.net hanno dichiarato: “Non è un chicane da MotoGP. -Ha detto Sam Lowes-. C’è un discorso molto delicato dietro a questo cambiamento, ma per me non è la strada giusta. Per la MotoGP probabilmente è OK. Secondo me in Moto2 e Moto3, ma spero di sbagliarmi, al primo giro ci saranno molti incidenti in quel punto.”

Il compagno di squadra, Aleix Espargarò ha poi aggiunto: “Non è divertente da guidare. Davvero, questa non è la cosa più importante perché la sicurezza è la prima cosa. OK, noi corriamo perché è più sicuro. Era uno dei migliori circuiti del mondo e è diventato una traccia davvero di m***a. Facciamo stupide curve, con angoli stupidi. Alla fine ci abitueremo, ma è una zona veramente brutta.”

Cal Crutchlow, finora, è l’unico pilota a non essersi lamentato: “Bisogna capire che abbiamo scelto questo. Non possiamo sceglierlo e poi cominciare a lamentarci. Se i ragazzi della Moto2 e Moto3 si dovessero lamentare, forse capiremmo. Ma i ragazzi del MotoGP non possono lamentarsi. Abbiamo scelto di farlo in questo modo un po’a causa della velocità e del muro sul lato destro. Alla fine è così e dobbiamo affrontarlo. Non è fantastico. Ma cosa possiamo fare ora, a meno che non torniamo all’altro. Vedremo.”

MotoGP Test Barcellona: Continuano le critiche al layout del circuito
Vota questo articolo
Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

1 commento
  1. Ronnie

    25 maggio 2017 at 16:18

    Effettivamente sembrano curve troppo vicine, con angoli troppo stretti in una sezione di pista molto corta.

    Adatta ai Kart più che alle MotoGP, non è l’ideale per moto tanto potenti.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

MotoGP

MotoGP Gp Austria: Sunday Guide, statistiche pre-evento

E’ la prima volta che tra i primi quattro posti in griglia ci sono tre Ducati, per la precisione Dovizioso, Lorenzo e Petrucci.
Condividi su WhatsApp Marc Marquez si è qualificato in pole position per la seconda volta consecutiva al GP d’Austria. Il