Superbike: Nicky Hayden resta in prognosi riservata

Indagato l'uomo che lo ha investito

Superbike: Nicky Hayden resta in prognosi riservataSuperbike: Nicky Hayden resta in prognosi riservata

Alle 11:00 di questa mattina, sabato 20 maggio, un nuovo aggiornamento medico informa che purtroppo il quadro clinico di Nicky Hayden non ha subito sostanziali variazioni: le sue condizioni restano gravissime e rimane ricoverato nel reparto di Rianimazione dell’ospedale Bufalini di Cesena in prognosi riservata.

Ricordiamo che il pilota americano, iridato in MotoGp nel 2006 e attualmente in forza al team Red Bull Honda WorldSbk nel massimo campionato delle derivate di serie, è stato travolto da un’auto, mercoledì 17 maggio nel primo pomeriggio mentre si allenava in bicicletta a Misano Adriatico, nel Riminese, riportando gravi ferite.
Hayden è stato sbalzato sul cofano della vettura e ha sfondato il parabrezza mentre la sua bici, spezzata, è finita in un fosso ai lati della carreggiata nei pressi di un incrocio tra Via Ca’ Raffaelli e Via Tavoleto.

Intanto si apprende che l’automobilista di 30 anni rimasto coinvolto nell’incidente è stato iscritto, secondo quanto riporta la stampa riminese ripresa anche dal sito Ansa.it, nel registro degli indagati per lesioni stradali.
In questi giorni verranno nominati dei periti che avranno il compito di affiancare la procura nella ricostruzione dello scontro: il pm Paolo Gengarelli, titolare del fascicolo, nominerà un proprio perito, ed è probabile che la stessa cosa facciano il legale della famiglia Hayden e quello del giovane automobilista.
Al centro della perizia ci sarà, soprattutto, la ricostruzione della velocità tenuta dall’auto con la quale si è scontrato Hayden.
E’ stato inoltre trovato e sequestrato anche un ipod acceso: è probabile che mentre stava pedalando, il campione americano stesse ascoltando musica.
Inoltre si dovrà capire, con un sopralluogo fatto nella stessa ora dell’incidente, se il sole possa avere disturbato e limitato la visibilità di Hayden o dell’automobilista.

Leggi altri articoli in Primo Piano

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati