Superbike, Motul Italian Round, Gara 2: Davies completa una doppietta straordinaria

Il pilota Ducati trionfa davanti alle Kawasaki di Rea e Sykes. Quinto Melandri.

Superbike, Motul Italian Round, Gara 2: Davies completa una doppietta straordinariaSuperbike, Motul Italian Round, Gara 2: Davies completa una doppietta straordinaria

Doveva essere il weekend perfetto per la Ducati sulla pista di casa dell’Autodromo Internazionale Enzo e Dino Ferrari di Imola e lo è stato grazie a Chaz Davies che chiude con la vittoria di oggi un round in cui ha praticamente sempre dominato: pole position, giro veloce e due vittorie che danno un po’ di respiro alla sua stagione.
Partito dalla nona casellina in griglia per il cambio regolamento di quest’anno, ha costruito una rimonta pazzesca tanto che dopo appena 5 giri era già leader in solitaria.

Jonathan Rea purtroppo per il rider gallese è sempre li, al secondo posto, ma la soddisfazione per Ducati deve andare oltre ai pochi punti rosicchiati in classifica: la Panigale è stata la moto migliore del fine settimana, nettamente più competitiva rispetto alle altre uscite in questa stagione e rispetto alla Ninja vista in questi tre giorni.
Se il titolo piloti è ormai già difficile, quello costruttori è tranquillamente alla portata della Casa di Borgo Panigale: in questo senso è stato importante anche il podio di Melandri, terzo ieri e in difficoltà oggi purtroppo, sopravanzato dalla Panigale del Team Barni di Xavi Fores per il quarto posto.

La gara è stata complicata: interrotta a nemmeno due giri dalla partenza per l’olio in pista perso dalla Kawasaki del Team Grillini di Badovini, è ripartita dopo quasi mezz’ora con le posizioni in pista alle bandiere rosse, sulla distanza di 18 giri.
Sykes è scattato di nuovo molto bene dalla pole inseguito da Leon Camier, mentre Jonathan Rea ha faticato a trovare il ritmo giusto trovando sulla sua strada un combattivo Melandri.
Proprio durante il duello con il ravennate, il Campione in carica ha commesso un piccolo errore tagliando una chicane e finendo per qualche giro in orbita quinta posizione.
Dopo appena due giri Leon Camier è costretto ad abbandonare la corsa per una caduta mentre tentava di inseguire Tom Sykes per la prima posizione: rider ok ma comprensibilmente arrabbiato per aver gettato una buona occasione.

Col passare dei giri, Davies acquisiva sempre maggiore ritmo e confidenza: a 12 dalla fine è avvenuto il soprasso decisivo su Tom Sykes che ha tentato in un primo momento di non perdere di vista il pilota Ducati ma ha dovuto fare i conti anche con la rimonta di Jonathan Rea, che avuta ragione del compagno di team ha tagliato il traguardo tranquillamente in seconda posizione.
Quarto troviamo Xavi Fores autore di un weekend davvero consistente che è riuscito anche a tenersi dietro la Panigale ufficiale di Marco Melandri, un po’ deluso a fine gara per non aver regalato un altro podio a Ducati e ai suoi tifosi.
In sesta e settima posizioni troviamo Alex Lowes e Eugene Laverty, che ha dimostrato di essersi ripreso molto bene dalla caduta di oggi e si conferma prima Aprilia al traguardo.
Ottimo anche l’ottavo posto di Jordi Torres, rider spagnolo del Team Althea Racing BMW, che ieri non ha potuto prendere parte alla corsa per una gastroenterite, seguito da Van der Mark con l’altra Yamaha R1 e Leandro Mercado, con la RSV4 Aprilia del Team Iodarcing.

In classifica iridata Jonathan Rea è sempre leader con 235 punti, ben 74 in più di Chaz Davies secondo per un punto su Tom Sykes, terzo con 160.
Il prossimo appuntamento è previsto tra due settimane, 26-28 maggio, sulla pista di Donington per l’atteso round in UK, gara di casa per molti protagonisti del Campionato.

Di seguito l’ordine di arrivo di Gara2:
1. Chaz Davies GBR Aruba.it Racing Ducati 1199R 18 laps
2. Jonathan Rea GBR Kawasaki Racing ZX-10R +3.739s
3. Tom Sykes GBR Kawasaki Racing ZX-10R +4.342s
4. Xavi Fores ESP Barni Ducati 1199R +14.441s
5. Marco Melandri ITA Aruba.it Racing Ducati 1199R +14.596s
6. Alex Lowes GBR PATA Crescent Yamaha R1 +32.214s
7. Eugene Laverty IRE Milwaukee Aprilia RSV4 +33.919s
8. Jordi Torres ESP Althea BMW S1000RR +35.932s
9. Michael van der Mark NED PATA Yamaha YZF-R1 +36.099s
10. Leandro Mercado ARG IodaRacing Aprilia RSV4 +37.621s
11. Roman Ramos ESP Team Go Eleven Kawasaki ZX-10R +40.395s
12. Nicky Hayden USA Red Bull Honda CBR1000RR SP2 +43.738s
13. Lorenzo Savadori ITA Milwaukee Aprilia RSV4 +48.589s
14. Stefan Bradl GER Red Bull Honda CBR1000RR SP2 +54.649s
15. Randy Krummenacher SWI Puccetti Kawasaki ZX-10R +54.916s
16. Raffaele De Rosa ITA Althea BMW S1000RR +56.434s
17. Ondrej Jezek CZE Grillini Kawasaki ZX-10R +1m 00.000s

Did not finish
Riccardo Russo ITA Guandalini Yamaha YZF-R1
Alex de Angelis SMR Pedercini Kawasaki ZX-10R
Leon Camier GBR MV Agusta RC F4 RR

Did not start
Ayrton Badovini ITA Grillini Kawasaki ZX-10R

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Primo Piano

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati