Superbike, Motul Italian Round, Gara 1: Chaz Davies conquista una grande vittoria in solitaria

Sul podio Rea e Melandri. Gara interrotta a sei giri dalla fine per l'incidente di Eugene Laverty

Superbike, Motul Italian Round, Gara 1: Chaz Davies conquista una grande vittoria in solitariaSuperbike, Motul Italian Round, Gara 1: Chaz Davies conquista una grande vittoria in solitaria

Gara 1 del Motul Italian Round, quinto appuntamento della stagione in programma all’Autodromo Internazionale Enzo e Dino Ferrari di Imola, si è conclusa anzitempo a sei giri dal termine per le bandiere rosse esposte a seguito del pauroso incidente capitato a Eugene Laverty: il pilota fortunatamente sembra non aver riportato infortuni ma al momento è al Centro Medico dove si stanno valutando le sue condizioni.

La caduta, sembra sia dovuta all’esplosione di una delle sospensioni della sua RSV4 Aprilia del Team Milwaukee, ha provocato grande preoccupazione e detriti in pista, per questo la Direzione Gara ha ritenuto di terminare la corsa, con le posizioni in pista a sette giri dalla fine.

Vince Chaz Davies con la Ducati al termine di una gara condotta in solitaria senza che gli avversari riuscissero a impensierirlo: scattato bene a via, insieme al compagno di team Marco Melandri, ha subito costruito un gap importante che gli ha permesso di arrivare al traguardo senza prendere rischi.
Partite male le due Kawasaki, soprattutto Tom Sykes, che hanno dovuto quindi inseguire: solo Jonathan Rea ha avuto la meglio su Marco Melandri per il secondo posto, mentre la rimonta della Ninja numero 66 è stata interrotta dalle bandiere rosse.
Il Team Aruba Racing Ducati può quindi festeggiare anche il terzo posto del ravvenate, rilanciando se non altro la corsa al titolo mondiale costruttori, dato che Rea non molla mai e anche quando non vince fa secondo.

A conferma che Imola è una pista che ben si adatta alla Panigale, troviamo al quinto posto Xavi Fores che continua un weekend consistente per il Barni Racing, davanti a un buon Leon Camier sesto dopo una bella battaglia con Eugene Laverty: il pilota inglese MV Agusta ha accusato però problemi di grip al posteriore e aveva anche l’anteriore che tendeva a chiudersi.
In settima e ottava posizione troviamo le due Yamaha di Alex Lowes e Michael Van der Mark, con Roman Ramos che con il nono posto porta punti preziosi al Team Go Eleven Kawasaki e Stefan Bradl a completare la top10.
Continua il weekend sfortunato di Nicky Hayden, costretto al ritiro per un probabile guasto alla sua CBR Fireblade dopo appena cinque giri.
Al giro prima si era invece ritirato per una caduta Leandro Mercado, infine Jordi Torres non ha preso parte alla corsa per la gastroenterite che lo sta affliggendo: domani verranno valutate le sue condizioni per Gara 2.

Appuntamento alle 13:00 con la partenza dell’attesa seconda corsa.

Di seguito la classifica di Gara1:

1. Chaz Davies GBR Aruba.it Racing Ducati 1199R 13 laps
2. Jonathan Rea GBR Kawasaki Racing ZX-10R +6.696s
3. Marco Melandri ITA Aruba.it Racing Ducati 1199R +9.287s
4. Tom Sykes GBR Kawasaki Racing ZX-10R +9.913s
5. Xavi Fores ESP Barni Ducati 1199R +16.142s
6. Leon Camier GBR MV Agusta RC F4 RR +21.914s
7. Michael van der Mark NED PATA Yamaha YZF-R1 +24.638s
8. Alex Lowes GBR PATA Crescent Yamaha R1 +25.792s
9. Roman Ramos ESP Team Go Eleven Kawasaki ZX-10R +34.035s
10. Stefan Bradl GER Red Bull Honda CBR1000RR SP2 +34.585s
11. Alex de Angelis SMR Pedercini Kawasaki ZX-10R +39.857s
12. Lorenzo Savadori ITA Milwaukee Aprilia RSV4 +40.639s
13. Randy Krummenacher SWI Puccetti Kawasaki ZX-10R +43.089s
14. Raffaele De Rosa ITA Althea BMW S1000RR +43.560s
15. Ayrton Badovini ITA Grillini Kawasaki ZX-10R +47.289s

16. Ondrej Jezek CZE Grillini Kawasaki ZX-10R +50.389s

Did not finish

Eugene Laverty IRE Milwaukee Aprilia RSV4
Nicky Hayden USA Red Bull Honda CBR1000RR SP2
Riccardo Russo ITA Guandalini Yamaha YZF-R1
Leandro Mercado ITA IodaRacing Aprilia RSV4

Did not start

Jordi Torres ESP Althea BMW S1000RR

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Primo Piano

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati