Superbike, Motul Italian Round, FP: giornata difficile per Lorenzo Savadori

Il rider Aprilia rimane però fiducioso per il proseguo del fine settimana

Superbike, Motul Italian Round, FP: giornata difficile per Lorenzo SavadoriSuperbike, Motul Italian Round, FP: giornata difficile per Lorenzo Savadori

La prima giornata del Motul Italian Round, in programma questo weekend all’Autodromo Internazionale Enzo e Dino Ferrari di Imola, non è iniziata bene per Lorenzo Savadori, 17esimo al termine della prima sessione di libere e addirittura 19esimo al termine del secondo del turno con un distacco di un secondo e sei decimi da Leandro Mercado, primo dei piloti targati Aprilia con la RSV4 del team IodaRacing.

Il cesenate dovrà quindi passare dalla seconda manche di Tissot-Superpole con l’obiettivo di fare una bella prova in gara davanti al suo pubblico: decisiva in questo senso sarà la terza sessione di libere in programma domani alle 8:45, in cui cercherà di risolvere i problemi di grip che lo hanno rallentato oggi.
Imola è una pista che gli piace, su cui ha fatto bene lo scorso anno all’esordio nella classe e su cui soprattutto ha vinto due anni fa in Stock1000.

Lo abbiamo incontrato al termine dei due turni di libere per capire quali sono le sue sensazioni in vista di domani.

Cos’è successo oggi?
“Dobbiamo cercare di migliorare, abbiamo avuto diverse problematiche ma sono convinto che domani ci sistemeremo”.

Vedendo anche dove sono le altre Aprilia (il suo compagno di team Laverty è nono mentre Leandro Mercado è ottavo, ndr) ti senti ottimista per domani? senti che non sono queste le posizioni che ti competono?
“Chiaramente non sono le posizioni che ci competono, Imola è una pista che mi piace molto, dove la moto va forte: oggi è andata così perché abbiamo avuto diversi problemi”.

Tu fisicamente come stai? Senti di aver recuperato al 100% dall’incidente di inizio stagione?
“Si io fisicamente sto bene, ho recuperato al 100% dalla caduta in Thailandia (ha dovuto saltare per questo il terzo round di Aragon, ndr)

Conclusi i primi quattro round della stagione, paragonandoli con gli stessi dello scorso hanno dove ti senti di aver migliorato e dove pensi ci sia ancora da lavorare?
“Per come la penso io bisogna sempre cercare di migliorarsi. E’ stato comunque un inizio di stagione complicato per l’infortunio, quindi si fa fatica a fare un bilancio per questo. La moto comunque è in crescita, il Team Milwaukee sta lavorando molto quindi sono positivo”.

Parlando della pista, pensi sia un tracciato che si adatta alle caratteristiche di Aprilia o dovete lavorare anche in questa direzione?
“Penso che questa sia una pista dove sono andato forte: lo scorso anno e in Stock1000 dove ho vinto. Penso sia una pista adatta a noi, dove Aprilia va forte. Chiaramente dobbiamo ridurre il gap rispetto ai primi ma stiamo lavorando nella giusta direzione”.

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Primo Piano

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati