Acerbis Dutch Round, FP1: Tom Sykes è il più veloce della mattina

Sessione dominata dai due piloti Kawasaki con la Ducati a inseguire

Acerbis Dutch Round, FP1: Tom Sykes è il più veloce della mattinaAcerbis Dutch Round, FP1: Tom Sykes è il più veloce della mattina

Il fine settimana al TT Circuit di Assen è iniziato nel segno della Kawasaki, con Jonathan Rea che già a partire dalle prime fasi delle Free Practice 1 ha iniziato a imporre il suo ritmo, per far capire agli avversari che non è intenzionato a fare sconti nonostante le cinque vittorie in sei gare.

Nonostante il passo tenuto dal Campione del Mondo, a siglare il miglior crono è stato il suo compagno di team Tom Sykes, che a dieci minuti dal termine della sessione ha stampato un 1’35″676, staccando di poco più di due decimi Rea.
Con il terzo crono troviamo la Panigale di Cha Davies, a +0.301s, preoccupato soprattutto di siglare un buon tempo in vista della Tissot-Superpole 2 di domani dato che nel turno del pomeriggio è quasi certo che pioverà.

Alle loro spalle emerge l’atteso idolo del pubblico locale, Michael van der Mark, che con la Yamaha si piazza quarto a mezzo secondo da Sykes: sarà lui a provare a inserirsi tra Kawasaki e Ducati nella lotta per le posizioni che contano, determinato a fare bene a casa sua.
La top five è completata dalla Panigale del Team Barni Racing guidata da Xavi Fores, mentre Nicky Hayden, Alex De Angelis (Pedercini Racing SC-Project), Eugene Laverty (Milwaukee Aprilia), Jordi Torres (Althea BMW Racing Team) e Marco Melandri occupano le posizioni dalla sei alla dieci.
Impensierisce un po’ il distacco accusato proprio dal ravennate, oltre un secondo e due decimi, e in cassa Ducati sperano non sia conseguenza della brutta caduta in cui è incappato nei test post gara di Aragon.
In questo senso diventa importante la sessione del pomeriggio, l’ultima valida ai fine dell’accesso alla Tissot-Superpole2, in programma alle 14:30.

A causa dell’umidità dell’asfalto oggi si sono registrate verso la fine del turno le cadute, fortunatamente senza conseguenze per i piloti, di Alex Lowes e Stefan Bradl rispettivamente alla curva 12 e 11: l’inglese ha chiuso con l’11esimo tempo, mentre il tedesco è 14esimo.
Infine il rientrante Lorenzo Savadori (Milwaukee Aprilia) ha accusato alcuni problemi tecnici all’inizio della sessione e anche nei minuti finali, non riuscendo ad andare oltre il 13esimo posto.

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Primo Piano

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati