Superbike: il punto di Ernesto Marinelli sulla Panigale

Il direttore del progetto Ducati svela le differenze tra la moto di Davies e quella di Melandri

Superbike: il punto di Ernesto Marinelli sulla PanigaleSuperbike: il punto di Ernesto Marinelli sulla Panigale

L’Aruba.it Racing Ducati sta affronta il Campionato Mondiale delle derivate di serie con il chiaro obiettivo di vincere il titolo, nonostante la partenza fulminante di Rea e della Kawasaki, con Chaz Davies e Marco Melandri costantemente nelle posizioni di vertice.

I due piloti hanno conquistato infatti un podio in tutte le quattro gare finora disputate ed è chiaro che si sentono molto bene in sella alla Panigale versione 2017, che entrambi hanno adattato a seconda della loro fisicità e del loro stile di guida, per cercare di tirare fuori tutto il potenziale del mezzo.
WorldSBK ha raggiunto il Direttore del Progetto Ducati, Ernesto Marinelli, che ha rivelato quali sono state le modifiche fatte per soddisfare le loro richieste.

“Non c’è molta differenza nella posizione dei loro cruscotti, stiamo parlando di un centimetro, quindi non molta, invece è differente l’altezza delle pedane, così come l’imbottitura del sedile per stare a proprio agio sulla moto.
I serbatoi sono gli stessi, ma Chaz preferisce avere una parte più spessa sulla parte posteriore, dato che è alto e vuole sedersi più indietro sulla moto, ma queste sono solo piccole modifiche”.

Le modifiche della posizione di guida possono avere a che fare con lo stile di guida o con l’altezza, come ha appunto spiegato Marinelli: “Sono entrambe le cose, in parte dipende dalla dimensione e in parte dalle caratteristiche dei piloti. Ovviamente vogliono muoversi di più sulla moto, e vogliono essere liberi di farlo avanti e indietro, quindi è questo che cambia tra uno e l’altro. Non c’è una posizione che sia più efficace rispetto ad un’altra; è solo il modo di guidare che piace di più al pilota”.

Infine, cominciamo a capire perché Melandri sta usando il forcellone nuovo mentre Davies preferisce il modello precedente: “Al momento è solo per una questione di tempo, Marco ha dedicato più tempo nei test sulla parte posteriore della moto. Non c’è grande differenza tra i due e potrebbero usarlo entrambi, ma Chaz vorrebbe prima avere più tempo per provarlo”.

Leggi altri articoli in Superbike

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati