Superbike, Round Phillip Island, Gara2: Alex Lowes si conferma tra i primi

Lowes conferma il quarto posto mentre Van der Mark migliora e conclude settimo

Superbike, Round Phillip Island, Gara2: Alex Lowes si conferma tra i primiSuperbike, Round Phillip Island, Gara2: Alex Lowes si conferma tra i primi

La seconda gara del Yamaha Finance Australian Round a Phillip Island, appuntamento di apertura del campionato mondiale delle derivate di serie, ha visto Alex Lowes confermare il quarto posto ottenuto nella prima corsa, ma questa volta il pilota inglese ha tanto da sorridere visto che il distacco con il vincitore, Jonathan Rea su Kawasaki ufficiale, è di soli 9 decimi.

Anche Michael van der Mark, al debutto sulla YZF-R1 è riuscito a migliorare la sua prestazione del sabato, terminando al settimo posto ma non lontano dal podio come distacco.

Lowes in virtù del nuovo regolamento sullo schieramento in Gara 2, che tiene conto dei risultati della prima manche, è scattato dalla prima casella in griglia e ha battagliato fino a pochissimi giri dalla fine con Rea, Davies e Melandri per il podio, ottenendo alla fine una quarta posizione che gli vale 26 punti in classifica e una bella iniezione di fiducia per il proseguo del campionato.

“Ho sentito che avevo una buona occasione per salire sul podio, ma quando ho attaccato all’ultimo giro ho faticato più di quanto mi aspettassi” – ha commentato Alex Lowes – “A metà gara ho pensato a come conservare moto e gomme, cercando di mantenere un ritmo intorno al 1’31.7 nei giri finali, in modo tale da stare con il gruppo di testa. La moto andava molto bene ma semplicemente non ero abbastanza veloce nella seconda parte della pista, non ero abbastanza aggressivo. Questo ci è costato un podio, quindi è qui che devo lavorare. A parte questo mi sono sentito veramente bene e sono stato competitivo per 44 giri di gara. I ragazzi hanno fatto un lavoro fantastico migliorando la R1 in molte aree, possiamo essere soddisfatti, è un buon inizio di anno. Credo di aver condotto al meglio, non solo in sella alla moto, le due gare, intendo nel modo in cui ho affrontato il fine settimana, sia per me stesso sia per come la squadra ha lavorato insieme. Credo che noi tutti abbiamo fatto un grande lavoro migliore e abbiamo una buona base su cui lavorare”.

“E’ stato più facile da guidare la moto rispetto a ieri” – ha esordito Michael van der Mark – “Alla fine fatto una gara in solitaria, ma ero contento perché stavo facendo tempi costanti e abbiamo migliorato la prestazione in gara . Oggi nel warm-up abbiamo provato qualcosa di nuovo, ma mi sembrava di non sentire molto la differenza, per cui quando abbiamo fatto un cambiamento sulla moto per la corsa, non sapevo cosa aspettarmi. Ho fatto una buona partenza, ma in alla prima curva sono stato un po’ preso nella bagarre. Ho sentito però subito la moto più facile da guidare e quindi abbiamo fatto un buon miglioramento per questa gara, e all’inizio sono rimasto con il gruppo di testa. Il duello con Eugene Laverty mi è costato un po’ di tempo e Sykes è riuscito a sorpassarmi. Penso di aver imparato molto della moto e so come posso migliorare in gara”.

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Superbike

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati