Superbike, test Phillip Island, Day 2: Rea chiude al top

Dietro di lui le Ducati di Melandri e Davies

Superbike, test Phillip Island, Day 2: Rea chiude al topSuperbike, test Phillip Island, Day 2: Rea chiude al top

Cambio di clima repentino a Phillip Island: a differenza della giornata di ieri, i piloti hanno affrontato le ultime due sessioni di test sotto un caldo sole, che ha agevolato il lavoro in pista in vista dell’esordio stagionale del Campionato.

I piloti del Kawasaki Racing Team sono stati i primi a scendere in pista: la sessione del mattino si è conclusa con Jonathan Rea davanti a tutti grazie al crono di 1.30.545, a precedere di due decimi e mezzo la coppia Ducati formata da Marco Melandri e Chaz Davies, che si candidano come i principali antagonisti del Campione del Mondo.

Tom Sykes ha completato ben 38 giri, risolvendo alcuni problemi sorti nella giornata di ieri, nonostante una caduta quando mancavano 4 minuti alla fine della sessione, con nessuna conseguenza fisica.

I piloti del Pata Yamaha Official WorldSBK Alex Lowes e Michael van der Mark hanno avuto un turno iniziale piuttosto impegnativo: l’inglese ha svolto una simulazione di gara sulla sua YZF-R, terminando ottavo con il crono di 1.31.692.
L’olandese, invece, dopo una caduta nel primo turno è riuscito a fare progressi, firmando il miglior crono in 1.31.936.

Grazie al clima favorevole, i tempi si sono ulteriormente abbassati nel secondo turno del pomeriggio: anche dalla combinata dei rilievi cronometrici, Rea è risultato il più veloce, anche se ha dovuto guardarsi ancora una volta da Melandri, che ha completato ben 105 giri durante i due giorni, siglando il suo miglior tempo in 1.30.575.
Chaz Davies ha chiuso il test in terza posizione, con il tempo di 1.30.893.

Sykes si è fermato al quarto posto assoluto con un tempo sul giro finale di 1.31.044, arrivando a meno di mezzo secondo dalla vetta, davanti al pilota più veloce del lunedì, Xavi Fores, che ha chiuso in top5.
Leon Camier ha continuato a fare costanti progressi e il risultato è il sesto posto nell’ultimo test invernale, con il suo miglior riferimento cronometrico in 1.31.293.
Lorenzo Savadori è stato un altro pilota ad avere una grande giornata, ed è settimo, con il tempo di 1.31.449.

Il Red Bull Honda World Superbike Team ha svolto il lavoro di conoscenza e di apprendimento della nuova Honda Fireblade SP2, che è andato a discapito della velocità pura: il distacco dalla vetta è infatti di un secondo e mezzo, con Nicky Hayden 14esimo e Stefan Bradl addirittura 19esimo a oltre due secondi.

Jordi Torres ha terminato nella top 9 a Phillip Island, con il tempo di 1.31.673 completando ben 88 giri, mentre il suo compagno di squadra Markus Reiterberger ha affrontato una giornata complicata ed è 15esimo.

Terminati i test ufficiali Dorna, i piloti hanno ora davanti un paio di giorni per metabolizzare tutto il lavoro svolto e focalizzarsi sull’inizio della stagione: prossimo appuntamento venerdì 24 febbraio con le due sessioni di libere.

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Primo Piano

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati