Superbike, test Phillip Island, Day 1: giornata impegnativa per il team Milwaukee

Savadori ha concluso nono nella combinata. Problemi tecnici per Laverty

Superbike, test Phillip Island, Day 1: giornata impegnativa per il team MilwaukeeSuperbike, test Phillip Island, Day 1: giornata impegnativa per il team Milwaukee

Per il Team Milwaukee Aprilia è stata una prima giornata di test ufficiali Dorna abbastanza complicata: non solo la pioggia, che ha condizionato specialmente il turno del mattino a Phillip Island, ma anche incoveniente tecnici che hanno rallentato il lavoro di Eugene Laverty, al rientro nel MOTUL FIM Superbike World Championship, dopo l’esperienza in MotoGP.

Il pilota irlandese ha infatti accusato alcuni problemi all’anteriore della sua RSV4 RF che sono oggetto di valutazione in vista degli ultimi due turni in programma dalle 23:10 di questa notte, ora italiana, ovvero al mattino di martedì 21 febbraio in Australia, e in vista soprattutto del round d’esordio.

Laverty ha terminato in 14esima posizione nella combinata dei tempi dei due turni, mentre il compagno di team Lorenzo Savadori ha chiuso nella top 10 con il nono crono.

“Non c’è stato molto tempo per stare in pista, ma questo è stato uguale per tutti” – ha detto un comunque fiducioso Eugene Laverty – “Nessuno oggi ha avuto un feeling naturale con la moto. Era come se qualcosa non stesse funzionando in maniera corretta. Questo è un tracciato molto fluido, ad alta velocità, e questo mi ha rallentato. Sono fiducioso che il mio team potrà trovare una soluzione stanotte, non c’è molto da fare in pista e il lavoro dev’essere svolto nel box, prima che esca di nuovo in pista”.

“Abbiamo continuando il lavoro iniziato a Portimao e sto cercando di migliorare il mio feeling con la moto, per essere sicuri di avere una buona costanza in condizioni di gara” – ha dichiarato Lorenzo Savadori – “I pneumatici andavano bene sia sul bagnato che sull’asciutto, e sono felice delle sensazioni che ho avuto da loro. Il tempo era un po’ matto oggi, ma siamo riusciti comunque a fare qualche giro secco verso la fine. Non conosco molto bene questa pista, e lo scorso anno è stata la mia prima volta su una Superbike qui, quindi è stato davvero utile per me guidare oggi.”

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Superbike

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati