MotoGP: Test Sepang Day 2, Dani Pedrosa: “Piccoli passi in avanti rispetto a ieri”

2'00"866 per lo spagnolo di casa Honda

MotoGP: Test Sepang Day 2, Dani Pedrosa: “Piccoli passi in avanti rispetto a ieri”MotoGP: Test Sepang Day 2, Dani Pedrosa: “Piccoli passi in avanti rispetto a ieri”

Test Irta, MotoGP Sepang Day 2 | Honda Racing – Nonostante il clima avverso nelle prime ore della mattinata, Dani Pedrosa ha portato al termine il programma di lavoro previsto per questa seconda giornata di test pre-season sul tracciato di Sepang. Lo spagnolo ha completato quarantaquattro giri nel corso del pomeriggio, proseguendo le comparative sull’elettronica iniziate nella giornata di ieri. I risultati sono stati incoraggianti visto che la Casa giapponese ha raccolto diversi dati che torneranno utili nel prossimo test che si svolgerà tra dieci giorni a Phillip Island, Australia. Pedrosa ha chiuso con un tempo di 2’00″866.

Ecco le parole di Dani Pedrosa: “Abbiamo iniziato a lavorare appena le condizioni climatiche ci hanno permesso di prendere la via della pista. Rispetto a ieri abbiamo svolto una seconda verifica su alcune componenti, soprattutto per quello che riguarda l’elettronica, e ci sono stati degli importanti passi in avanti. Siamo soddisfatti del nostro risultato, ma non siamo ancora dove vorremmo essere. Di positivo c’è che abbiamo fatto il tempo con gomma molta usata e quindi abbiamo un gran margine di miglioramento. Non siamo riusciti a montare il nuovo motore per un attacco al tempo, ma la giornata è stata abbastanza positiva”.

MotoGP: Test Sepang Day 2, Dani Pedrosa: “Piccoli passi in avanti rispetto a ieri”
Vota questo articolo
Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

MotoGP

MotoGP Gp Austria: Sunday Guide, statistiche pre-evento

E’ la prima volta che tra i primi quattro posti in griglia ci sono tre Ducati, per la precisione Dovizioso, Lorenzo e Petrucci.
Condividi su WhatsApp Marc Marquez si è qualificato in pole position per la seconda volta consecutiva al GP d’Austria. Il