MotoGP: Capirossi e Martinez spiegano le motivazioni alla base della scelta di Sepang, Phillip Island e Losail

Sepang, Phillip Island e Losail saranno le protagoniste dei test invernali

MotoGP: Capirossi e Martinez spiegano le motivazioni alla base della scelta di Sepang, Phillip Island e LosailMotoGP: Capirossi e Martinez spiegano le motivazioni alla base della scelta di Sepang, Phillip Island e Losail

Motomondiale MotoGP 2017 – I piloti della MotoGP scenderanno in pista da lunedì sulla pista di Sepang, poi le due tappe successive dei test saranno Phillip Island e il Qatar. Loris Capirossi e Juan Martinez spiegano le motivazioni alla base della scelta di queste tre piste, che vedranno impegnati tutti i piloti della Top Class.

Sepang
“La decisione di andare in questi tre circuiti è stata presa di comune accordo tra le squadre, Dorna, IRTA e il fornitore di gomme – ha detto Capirossi – Eravamo alla ricerca di tracciati in cui c’è teoricamente bel tempo e che ci permettessero di completare diversi test. Ad esempio, Sepang è un tracciato molto vario, con una parte tecnica, ma anche una lunga e forti frenate.” Martinez sottolinea che in Malesia “Le squadre possono lavorare sulla configurazione del telaio e sulla durata dei pneumatici in condizioni estreme. E’ un test anche per la forma fisica dei piloti e per la durata dei motori in situazioni che si possono ritrovare a Barcellona o al Mugello.”

Phillip Island
“Si tratta di uno dei tracciati con la più alta velocità media (182 km/h) e un circuito che Capirossi descrive come “molto esigente per gli pneumatici.” Martinez aggiunge; “Specialmente l’ultimo settore, perché ci sono curve veloci dove il pneumatico posteriore soffre molto. Questa è una delle piste in cui il fornitore di pneumatici fornisce un composto asimmetrico, con diversa rigidità su un lato rispetto all’altro.”

Qatar
“Secondo Capirossi, “Essere in grado di guidare a Losail è positivo per le squadre ed i piloti, perché è lì che si disputerà il primo Gran Premio della stagione. Inoltre, questa pista ha le sue peculiarità: “Essendo vicino al deserto, il test consente di pulire l’asfalto dalla sabbia e di effettuare le ultime modifiche necessarie prima di sigillare i motori che verranno utilizzati per tutta la stagione.” commenta Martinez.

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati