Superbike: a Jonathan Rea le chiavi di Phillip Island

Il Bicampione del Mondo è stato premiato al suo arrivo in Australia

Superbike: a Jonathan Rea le chiavi di Phillip IslandSuperbike: a Jonathan Rea le chiavi di Phillip Island

Per i piloti del Campionato Mondiale delle derivate di serie stanno trascorrendo le vacanze in famiglia, per ricaricare le pile in vista della prossima stagione: per il Bicampione del Mondo in carica Jonathan Rea questo significa volare in Australia, a Phillip Island, terra d’origine della moglie, dove è molto amato.

Il pilota Kawasaki è stato accolto con tutti gli onori e una sorpresa molto particolare: invitato girare in bicicletta sul circuito di Phillip Island, Rea durante l’allenamento è stato fermato dal sindaco, da Fergus Cameron, il direttore del circuito, e da un nutrito gruppo di allievi della scuola elementare, con la moglie Tatia e i due figli, che gli hanno consegnato la chiave di Phillip Island e lo hanno invitato ad accettare lo stato di “cittadino onorario” del sud dell’isola australiana.
Successivamente i bambini della scuola hanno portato un emozionato Rea al circuito di karting posto all’interno della Curva Doohan (curva 1) dove gli hanno regalato un go-kart con i colori della Kawasaki e l’immancabile numero 1.

“È stata un’enorme sorpresa, mentre ero con i miei compagni di ciclismo!” – ha detto ridendo Jonathan Rea – “Siamo arrivati in circuito e ho ricevuto la chiave di Phillip Island, è un riconoscimento speciale da parte della comunità che è stato molto bello. Considero davvero Phillip Island la mia seconda casa. Mia moglie è nata qui e ha vissuto qui per molti anni, è bello tornarci. La doppietta di febbraio era stata pazzesca. È sempre il mio round preferito dell’anno, corriamo quando qui è estate ed è incredibile”.

Il nord-irlandese ha aggiunto che il suo obiettivo è quello di essere il primo pilota del WorldSBK, dal 1998, a vincere tre titoli consecutivi. Successivamente ha parlato della sorpresa del venerdì:

“Mi sento come un figlio adottivo qui. Il ciclismo è uno sport sociale, tutti andiamo e dopo aver corso prendiamo un caffè al bar; in questo posto posso stare tranquillo e iniziare la mia preparazione fisica a dicembre per il 2017, prima di tornare in Europa per i test di gennaio, dove nel mio allenamento inserirò il motocross, oltre al lavoro in palestra. Quando torno a febbraio, in occasione del primo round, sono davvero pronto per iniziare la stagione”.

Il Yamaha Finance Australian Round sarà ancora una volta la tappa di debutto del MOTUL FIM Superbike World Championship, dal 24 al 26 febbraio 2017.

Leggi altri articoli in Superbike

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati