MotoGP: Dal 2017 importanti novità tecniche, disciplinari e sportive

Le modifiche al regolamento interessano MotoGP, Moto2 e Moto3

MotoGP: Dal 2017 importanti novità tecniche, disciplinari e sportiveMotoGP: Dal 2017 importanti novità tecniche, disciplinari e sportive

La Commissione Grand Prix composta da Carmelo Ezpeleta (Dorna, Chairman), Ignacio Verneda (CEO FIM), Herve Poncharal (IRTA) e Takanao Tsubouchi (MSMA), Carlos Ezpeleta (Dorna), Mike Trimby (CEO IRTA, come segretario della riunione), Paul Duparc (FIM), Mike Webb (direttore di gara), Danny Aldridge (direttore tecnico) e Corrado Cecchinelli (direttore Technology) in una riunione tenutasi a Madrid il 2 dicembre 2016, ha preso le seguenti decisioni così come riportato da MotoGP.com:

Stagione 2017

Regolamento tecnico

Telecamere ‘Dummy’ / Pesi in Moto3™ e Moto2™

Attualmente i migliori sei piloti in Moto2™ e Moto3™ sono tenuti ad avere telecamere a bordo. Si ritiene che, in due categorie dove il peso delle moto è un discriminante per la competitività, la camera on board possa essere svantaggiosa. Le altre moto non dotate di telecamere dovranno quindi essere provviste di queste, reali o fittizie, per aumentare il loro peso. Nel caso non ci sia un cambiamento nel peso minimo di moto/pilota dopo questa modifica, il peso minimo sarà aumentato di due chili fino a 217.

Gomme nella classe MotoGP™

Dopo una consultazione con la Safety Commission e l’approvazione da parte di Michelin, le regole sulle gomme sono state cambiate. Le gomme intermedie non saranno più disponibili. Il numero massimo di mescole da asciutto e da bagnato rimane invariato ma vi sarà una specifica supplementare di pneumatici slick anteriori e posteriori da poter scegliere.

Regolamento Sportivo

Test Moto2™ e Moto3™

Le norme che regolamentano i test privati sono state chiarite e ora si applicano solamente ai piloti con contratto. Le scuderie possono provare insieme ad un pilota con qualunque contratto e in ogni circuito per un massimo di dieci giorni durante la stagione. Questo in aggiunta ai test ufficiali.

Procedura d’inizio gara

Qualsiasi pilota che arriva alla griglia di partenza dietro la safety car dopo aver completato il giro di riscaldamento ora deve entrare nella corsia dei box e iniziare la gara della pit-lane.

Eccesso di velocità nella pit-lane

A seguito delle ripetute infrazioni del limite di velocità nella corsia dei box, la pena di 150 euro di multa non sembra più sufficiente. In futuro la multa sarà di 200 euro e con infrazione ripetuta la pena potrà essere aumentata in aggiunta a quelle inflitte dagli FIM MotoGP™ Stewards.

Gara riavviata

Il regolamento sarà modificato per far chiarezza sulla procedura del riavvio dopo che una gara è stata interrotta con meno di tre giri completati. Tutti i piloti possono prendere parte alla gara riavviata, anche quelli che non avevano compiuto il giro di allineamento o il warm up iniziale.

I funzionari

In ogni GP il Direttore di Gara e il Chief Medical Officer devono essere in possesso del relativo FIM Superlicence.

Sicurezza del circuito

In relazione a recenti incidenti, non è più consentito ai commissari di pista pulire la pista o alterare le condizioni della superficie di essa senza istruzioni precedenti o autorizzazione rilasciata dal Direttore di Gara e dal Responsabile della Sicurezza.

Procedure disciplinari

La funzione e le responsabilità della Direzione Gara e degli Stewards MotoGP™ FIM rimangono invariate. La Direzione Gara, che comprende il Direttore di Gara, il Rappresentante FIM e un rappresentante Dorna, non hanno alcun ruolo nella applicazione di sanzioni che possono essere comunicate solo dal pannello Stewards composto dal Direttore di Gara, da un membro permanete e da uno a rotazione nominato dalla FIM (tre componenti).

La modifica prevede la creazione di un secondo livello di giudizio che comprende un ulteriore Steward nominato dalla FIM e un secondo nominato dal FMNR. Essi saranno presenti ad ogni evento e accoglieranno le istanze contro il primo organo. Ciò significa che in quasi tutti i casi le decisioni e le pene potranno essere confermate o annullate durante l’evento.

Regolamento medico

Diverse modifiche sono state apportate al Codice Medico FIM che danno al FIM Medical Officer più potere e più responsabilità. Il codice ha anche rafforzato il diritto dei piloti infortunati al rispetto della riservatezza circa la loro condizione. Il personale medico o i funzionari di pista non sono più autorizzati a rilasciare dichiarazioni a terzi, se non ai parenti più vicini, in merito alla condizione dei piloti infortunati senza l’autorizzazione della FIM e di Dorna.

In relazione ai numerosi incidenti sia in gara che nelle prove di eventi diversi dal Campionato del Mondo MotoGP™, i piloti saranno responsabili delle notifiche presso il FIM Medical Officer e il CMO per qualunque infortunio o malattia che potrebbe pregiudicare la loro capacità di guidare.

Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

7 commenti
  1. Avatar

    ligera

    10 Dicembre 2016 at 16:04

    Mi aspettavo che un articolino sull’argomento comparisse anche qui, ma così non è (coloro che frequentano i vari siti di motociclismo, avranno certamente trovato l’argomento di cui andrò a parlare). Approfitto di questo tema per porre all’attenzione l’intervista di Chaz Davies, dopo un incontro avuto con la Dorna. Ne parlo qui perchè in fondo fa parte delle novità del prossimo anno (per la SBK), ma riguarda anche la MotoGP perchè penso che sia così già da parecchio tempo.

    L’argomento di discussione che propongo (tratto da un altro sito), fuori dal tema vero e proprio di questo articolo è il seguente:

    Chaz Davies, all’uscita da un incontro che si è tenuto tra i piloti SBK e la Dorna, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni:

    “Ci siamo seduti con la Dorna che ci ha detto che dobbiamo litigare l’un l’altro ed odiarci un po’ di più”
    “Tutti i piloti della SBK sembrano essere come a casa, qui, c’è bisogno di più battaglie – ha detto loro Xavier Alonso, boss del campionato – sono tutti piloti fantastici, ma non voglio vedere una grande famiglia felice nel parco chiuso. Voglio vedere lotta!”
    “Quando ce lo hanno detto io ero seduto accanto a Rea – ha proseguito poi Chaz – loro si aspettano da noi che creiamo l’interesse in quel modo. Io capisco il loro punto di vista, ma io sono qui per correre in moto e non mi interessano cose di questo tipo. Se qualcuno vuole litigare con me, mi va bene perché sono anche più veloce quando mi arrabbio, ma certo non andrò in giro a cercare una lite”

    Grande Chaz, finalmente è sparito quel clima quasi omertoso che aleggiava su questi incontri. Un pilota con gli attributi, non solo in pista, ma anche fuori.
    Se cerchiamo di essere un poco realistici tutti quanti, dovremmo ammettere che tale “sistema” è in atto nella MotoGP già da parecchio tempo e questo mi fa concludere che, molte “liti”, se non tutte quante, vengono giostrate e orchestrate ad arte, solo per creare interesse e taluni piloti si prestano a questo tipo di pantomima vergognosa. Non posso credere che siano tutti, ma, conmunque, anche i piloti a cui non si può imputare nulla, col loro silenzio hanno permesso il perpetuarsi di tale pratica malata. Liti create ad arte, muri sorti dal nulla, l’allievo che si ribella al maestro, liti furibonde verso la conclusione dei mondiali e questo solo per citare quelle più ecclatanti. Tutto questo per cosa? Per dare più interesse, per richiamare attenzione e di conseguenza pubblico.

    Ma di caxxo di “interesse” stanno a cianciare questi, io voglio vedere le gare a suon di staccate e giri veloci, mi frega nulla della soap opera che girano a beneficio di un pubblico (aimè) sempre più numeroso che si inalbera perchè il loro benioamino ha accusato il pilota rivale di ostruzione o per ribattere al presunto insulto ricevuto.
    Ma è vero, la formula funziona davvero, sopratutto considerando gli argomenti e i post di quest’anno. Bravi ragazzi, e ora, a fine campionato, tutti in posa per la foto ricordo della grande “pantomima”, regina ormai di tutti i mondiali. Bravi ragazzi, non fatevi fuorviare dalle parole di un utente qualsiasi (io) e di un Davies qualunque (Lui), continuate pure ad odiare chi viene indicato dal vostro pilota, aiutate anche voi a perpetuare questa vergogna, il grande occhio onniveggente (grande fardello) domina!!!!

    A parte le facili battutine, per quanto mi riguarda dico che è una cosa vergognosa, a me piacciono le moto per lo spettacolo vedo quando sono in pista e non tutto il bailamme montato ad arte per la gioia del tifoso da stadio

    • Avatar

      fatman

      10 Dicembre 2016 at 18:19

      …sarà colpa di quella m@ed@ del geriatra i consigli ai piloti riguardo il fatto di odiarsi?

      • Avatar

        ligera

        12 Dicembre 2016 at 15:08

        Proprio così, si devono odiare di più, così creano telenovelas ad arte per accaparrare tutti i tifosetti che non seguono le gare per le gare stesse, ma per il contorno di sputt@n@menti vari.

        Bello schif@ nevvero???

  2. Avatar

    supermariacion

    11 Dicembre 2016 at 00:13

    ligera secondo me bevi mrda…comprati qualcosa di piu’ raffinato! ma veramente vi fate tutte ste pugnette mentali? capisco la scorregiia che di fatto resta un sottosviluppato da gossip…ma tu ligera…ma dai va!

    • Avatar

      fatman

      11 Dicembre 2016 at 15:12

      …sai quanta m@rd@ mangerai anche il prossimo anno? Apriti una trattoria, da Superm@rikki@n@ lo Z@zz@n@ ahahahahahahahahahahahahahahahahahah…

      • Avatar

        V.D.S

        30 Dicembre 2016 at 16:50

        Pensa che menù potrebbe proporre..e pensa ai clienti!
        Il “figliol di tr**a” che si cambia nick e gli altri 4 c0gli0ni tutti allo stesso tavolo..una Reunion di crittologi!

  3. Avatar

    supermariacion

    12 Dicembre 2016 at 22:50

    Si si la apro! Ti aspetto con tutti i tuoi amici…un piatto di mrda gratis per voi ci sarà sempre…visto che ne andate ghiotti!! Ingordi!!! AhhaahaahaahahhahhahaahHhHh

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

MotoGP

MotoGP: Cambia il sistema della patente a punti

Spariscono le sanzioni intermedie, questo dopo i fatti di Sepang Rossi Vs Marquez
Condividi su WhatsAppMotoGP 2016 Regolamento Patente a punti – La Commissione Grand Prix, composta da signori Carmelo Ezpeleta (Dorna, Chairman),