Superbike Test Aragon: Marco Melandri racconta il suo ritorno in pista

Il ravennate ha bisogno di recuperare determinati automatismi ma è fiducioso

Superbike Test Aragon: Marco Melandri racconta il suo ritorno in pistaSuperbike Test Aragon: Marco Melandri racconta il suo ritorno in pista

Il primo giorno di test al Motorland di Aragon ha determinato il ritorno ufficiale in pista nel massimo Campionato delle derivate di serie di Marco Melandri, sulla Panigale R del Team Aruba Racing Ducati: per il ravennate si è trattato in realtà della terza uscita con il suo nuovo mezzo, ma in quelle occasioni non aveva avuto modo di confrontarsi con i suoi avversari.

Melandri ha parlato con WorldSBK.com al termine della prima giornata di test.

“Ero molto contento all’idea di provare con tutti gli altri piloti oggi, è stata una buona giornata” – ha detto Marco Melandri – “Penso che la mia Ducati stia lavorando abbastanza bene qui ad Aragon. Il feeling che ho avuto a Valencia è circa lo stesso di oggi, quindi sapevamo cosa dovevamo fare. Giro dopo giro mi sento sempre meglio sulla moto. Ho ancora una lunga strada da percorrere davanti a me prima del round iniziale, ma sono felice”.

“Abbiamo provato alcune parti della moto 2017 sul telaio e il secondo giorno proveremo nuovamente qualcosa di nuovo” – ha spiegato Melandri riferendosi al lavoro che ancora rimane da fare – “Proveremo un motore diverso, stanno arrivando cose nuove e sono molto impegnato. Devo ancora conoscere la moto e il team e fare il test, ma va tutto molto bene. Devo ancora migliorare soprattutto nell’area di frenata, penso di non essere molto costante in quello, ma dobbiamo vedere, anche l’elettronica è nuova quindi dobbiamo capire come far lavorare tutto insieme. Abbiamo un buon gap in cui possiamo migliorare, vedremo”.

Sono passati due anni da quando Melandri ha gareggiato nel WorldSBK ed è un anno che non corre in un Campionato mondiale, di conseguenza ha ammesso che l’inizio sarà una sfida, ma è molto motivato a tornare a essere veloce, considerando gli impressionanti risultati di Davies nella stagione 2016.

“Sicuramente ho bisogno di riprendere quello che ho perso negli ultimi anni” – ha detto Melandri – “Il primo round non sarà facile, così come i primi giri in gara dopo alcuni anni che non corro, ma sono piuttosto fiducioso. Avere l’opportunità di portare al top un brand italiano come Ducati, da un pilota italiano, è un sogno per me, ogni mattina è questo il mio obiettivo. Guardare i grandi risultati ottenuti quest’anno mi da molta fiducia. Sono emozionato e so che il mio compagno di squadra sarà il primo rivale in pista, è uno dei più forti e questo si traduce in motivazione per me”.

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Superbike

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati