Test Valencia: Bagnaia, “La MotoGP è impressionante”

Il pilota della VR46 Riders Academy "premiato" con un test con la Ducati MotoGP

Test Valencia: Bagnaia, “La MotoGP è impressionante”Test Valencia: Bagnaia, “La MotoGP è impressionante”

Ducati MotoGP Team Aspar Test Valencia – Francesco Bagnaia aveva fatto una scommessa con Gino Borsoi, Direttore Sportivo del Team Aspar, con due vittorie con la Mahindra nella classe Moto3, avrebbe provato la Ducati MotoGP. “Pecco” ha vinto ad Assen e a Valencia e la promessa è stata mantenuta. Questa mattina ha avuto la possibilità di provare la Ducati (9 i giri percorsi) ed è rimasto impressionato non solo dalla potenza ma anche dall’impianto frenante. A lui la parola.

“E’ stata un’esperienza pazzesca. Pensavo che la MotoGP andasse forte, ma non così! Guidare la MotoGP è impressionante. Con la Moto3 tra una curva e l’altra hai la possibilità di spalancare il gas, di metterti in carena e di frenare di nuovo, con la MotoGP è tutto super-veloce. Anche la frenata è del tutto diversa, basta molta meno poca pressione sulla leva. Ringrazio la Ducati, il Team Aspar e gli sponsor per avermi dato questa possibilità.”

Mentri eri in pista hai “incrociato” Marquez.

“Ho visto Marquez e mi sono detto, adesso lo passo e faccio un pò il “figo” e invece sono andato largo.”

Una Ducati con il #21, non succedeva dai tempi di Troy Bayliss.

“Esatto, prima c’era Paolo Ciabatti (Direttore Sportivo Ducati) che ha fatto la foto e l’ha mandata a Troy, che tra l’altro qui corse e vinse con la MotoGP.”

Cosa hai provato quando hai spalancato per la prima volta tutto il gas?

“L’ho voluto aprire subito per capire com’era. Quando entra la coppia non controlli niente, ero a bandiera! Avrei voluto fare più giri, adesso faccio un’altra scommessa com Gino (Borsoi, ndr), gli dico che se lo batto a forbice e sasso faccio altri 9 giri (ride, ndr). Per adesso va bene così, altrimenti quando salirò sulla Moto2 mi sembrerà ferma.”

Avevi chiesto dei consigli a qualche pilota della MotoGP prima di salire in moto?

“Lo avevo chiesto a Valentino prima di partire, l’ho tenuto lì 45 minuti, mi sono fatto spiegare tutto. E’ servito molto, soprattutto per i freni. E’ stranissimo arrivare in staccata e non usare la frizione.”

Ora che l’hai provata c’è il sogno MotoGP,

“Adesso si, infatti spero di fare in fretta con la Moto2 (ride, ndr). In realtà bisogna prendersi il giusto tempo. Ho fatto 9 giri e non so quanto aveva girato Alex Marquez con la Honda, spero di avergli dato la paga.”

Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati