MotoGP Valencia Day 1: Andrea Iannone, “Pista dura per la moto e il fisico”

Settimo tempo per il pilota abruzzese, che domenica saluterà la Ducati

MotoGP Valencia Day 1: Andrea Iannone, “Pista dura per la moto e il fisico”MotoGP Valencia Day 1: Andrea Iannone, “Pista dura per la moto e il fisico”

Andrea Iannone MotoGP 2016 Valencia Team Ducati – Andrea Iannone ha ottenuto il settimo tempo nella prima giornata di prove libere a Valencia, diciottesima ed ultima gara del motomondiale 2016.

Il centauro abruzzese della Ducati ha faticato molto da punto di vista fisico, visto che questa pista è come un kartodromo per la MotoGP.

Da martedì sarà un pilota Suzuki, quindi spera di poter migliorare sia tecnicamente che fisicamente per lasciare un buon ricordo alla Ducati. A lui la parola.

Andrea, racconta questa prima giornata di prove al Ricardo Tormo.

“Non sono soddisfatto al 100%, mi aspettavo di fare meno fatica e il fatto che la pista sia stretta non ci aiuta. Le linee sono obbligate e per far curvare bene la moto devi rallentare molto, perdendo tempo prezioso. Mi sento al limite, soprattutto davanti, chiedo di più all’anteriore ma così metto in crisi la gomma.”

Nel pomeriggio avete comunque migliorato, qual’è stata la mossa?

“Abbiamo stravolto il setting della moto, una cosa che abitualmente non facciamo, ma visto che è l’ultima gara e che il problema è evidente, abbiamo azzardato e abbiamo migliorato, anche se non basta. Nel T2 e nel T3 perdiamo tantissimo.”

Hai provato la nuova gomma anteriore portata dalla Michelin?

“Non ancora, lo faremo domani prima delle qualifiche.”

Fisicamente come ti senti?

“Non va bene ma neanche male, è un mix. Adesso mi fa male la schiena, ma sapevo che dopo due turni sull’asciutto e su una pista con tante frenate e cambi di direzione sarebbe potuto accadere. Oggi non ho usato antidolorifici, ma domani saranno indispensabili.”

Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

1 commento
  1. Avatar

    TONYKART

    11 Novembre 2016 at 22:29

    Belen ti ha spompato

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati