Superbike: Guim Roda parla della prossima stagione targata Kawasaki

Il Team Manager vuole mantenere lo stesso livello di alta competitività

Superbike: Guim Roda parla della prossima stagione targata KawasakiSuperbike: Guim Roda parla della prossima stagione targata Kawasaki

Il Kawasaki Racing Team è stato indiscusso protagonista anche nel 2016, con la conquista del titolo costruttori e di quello piloti con Jonathan Rea, e Tom Sykes al secondo posto, al termine di una stagione in cui ha per lunghi tratti dominato senza rivali, soprattutto nella prima parte.

Mentre la squadra ha festeggiato giustamente i successi ottenuti, il team manager Guim Roda ha già iniziato a guardare alla prossima sfida del 2017 e WorldSuperbike.com lo ha raggiunto per raccogliere i suoi pensieri in vista della preparazione invernale, con i primi test in programma settimana prossima, il 16 e 17 novembre ad Aragon.

“È stata una stagione incredibile e lo sforzo di tutti è stato enorme” – ha detto Roda -“Possiamo essere molto orgogliosi e felici su quanto abbiamo ottenuto ma il prossimo step è quello di mantenere lo stesso livello il prossimo anno”.

Anche uno squadrone come Kawasaki non è esente da avere aree in cui è possibile migliorare: quest’anno ad esempio c’è voluto tempo per ottenere il massimo dal nuovo pacchetto e inoltre è stato Chaz Davies con la Ducati a ottenere il maggior numero di vittorie, 11 vittorie contro le 8 di Rea.
Guim Roda si aspetta che il gallese e la casa di Borgo Panigale saranno gli avversari con cui confrontarsi anche nel 2017.

“È sempre difficile rendere competitiva il primo anno una moto nuova, perché molte cose sono nuove e non si possono controllare” – ha continuato Roda – “Ci sono molti nuovi fornitori e hanno bisogno di lavorare molto rapidamente senza alcuna esperienza con il modello nuovo, quindi penso che sia qualcosa di molto più difficile rispetto a quello che si possa capire da fuori. Aver introdotto una nuova moto e aver avuto subito successo, esprime chiaramente il potenziale di base della Kawasaki, altrimenti è impossibile. Dall’altra parte sono contento del lavoro svolto in pista, sui pochi errore commessi nei week end di gara e sul fatto che entrambi i piloti sono andati a punti molto spesso per raggiungere il risultato finale, che è stato grande”.

Superbike: Guim Roda parla della prossima stagione targata Kawasaki
Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Superbike

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

Superbike

SBK | Test Portimao: si torna in azione

Le derivate di serie saranno impegnate in una due giorni di lavoro sul circuito portoghese
Condividi su WhatsApp Il campionato mondiale delle derivate di serie si lascia alle spalle oltre un mese di pausa per