MotoGP: La Michelin dopo la gara di Sepang pensa già al futuro

Nella prossima stagione si potrebbero perdere i pneumatici intermedi

MotoGP: La Michelin dopo la gara di Sepang pensa già al futuroMotoGP: La Michelin dopo la gara di Sepang pensa già al futuro

Michelin MotoGP Gran Premio della Malesia – La Michelin ha potuto verificare la bontà dei suoi pneumatici da bagnato durante lo scorso Gran Premio della Malesia, che ha “consegnato” alla Top Class il nono vincitore della stagione, Andrea Dovizioso, vincente sotto la pioggia di Sepang.

Il centauro forlivese, alla sua seconda vittoria in MotoGP, ha sfruttato appieno il potenziali dei pneumatici rain, andando a vincere la gara davanti alle Yamaha di Valentino Rossi e Jorge Lorenzo. Ecco a tal proposito le parole di Nicolas Goubert, Vice Direttore, Direttore Tecnico e Responsabile del programma MotoGP, che ha parlato anche del futuro prossimo.

“E’ stato un altro fine settimana in cui il meteo ha giocato un ruolo importante. Non abbiamo avuto una sola sessione dove l’asfalto fosse completamente asciutto, quindi non abbiamo avuto la possibilità di vedere tutto il potenziale delle gomme slick portate qui. Sulla pista sono sempre rimaste delle chiazze di umido e i piloti sono stati abbastanza prudenti, ma il loro feedback è stato positivo sia sull’anteriore che sul posteriore. Speravamo in una gara asciutta, poi è arrivata la pioggia ed è stata una buona idea quella di ritardare l’inizio. Per tutta la gara abbiamo visto molti sorpassi impressionante ed è stata una cosa estremamente positiva vedere i piloti spingere al massimo. Le gomme da bagnato hanno lavorato molto bene in queste condizioni e siamo rimasti molto soddisfatti della loro consistenza per tutta la gara. Voglio congratularmi con Andrea Dovizioso per la sua vittoria, è stato incredibile avere nove vincitori in una stagione. Ora andremo a Valencia, ma non penseremo soltanto alla gara, ma anche ai test successivi, dove porteremo nuove gomme.”

Sempre a proposito di pneumatici, le intermedie, rese disponibili dalla Michelin quest’anno, potrebbero aver già esaurito il loro corso. Si sta discutendo infatti se tenerli o no per la prossima stagione e i pareri al momento sono discordanti.

Dovizioso ad esempio ha detto che le intermedie sono una buona soluzione per la sicurezza, mentre Valentino Rossi non è dello stesso parere: “Se dovessimo perdere le intermedie non cambierebbe molto, il loro utilizzo è molto “stretto”, poi le Michelin da bagnato sono migliori delle Bridgestone, quindi potremmo fare a meno delle intermedie.” – Ha detto il pesarese della Yamaha.

Foto: Alex Farinelli

Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

1 commento
  1. Avatar

    ligera

    4 Novembre 2016 at 01:48

    Ok!!!!
    Sinceramente il mio pensiero è: “facciano loro le scelte (parlo dei piloti)”, tanto è uguale per tutti (o no?). La Ducati, potrebbe giocarsi questa carta in qualche GP particolare, come magari è accaduto in passato, mentre per altri, “più aggressivi” sulle gomme, la situazione è diversa? Non so sinceramente, ma esprimo il mio parere.

    Prima ci si lamentava della loro assenza, che con le intermedie sarebbe stata una scelta più oculata, che su certe piste, con le rain si deve cambiare se si asciuga, mentre con le intermedie si sarebbe potuti andare meglio…. Ora il problema sembra sparito in un anno.

    Daccordo che sono pneumatici diversi e lavorano diversamente, ma ormai i Francesi si erano convinti a farli, perchè opporsi subito dopo un anno, ma facciamole produrre ancora, valutiamo bene la questione, tempo per rifiutarle ci sarà, ma ora, un altro anno, non può che essere utile per una decisione più mirata.

    Infine, è vero che le Rain Michelin vanno bene, ma questo, a mio parere, sta ad indicare che le intermedie, in condizioni giuste per tali pneumatici, sarebbero ancora più performanti.

    Si continua a dire che le Rain vanno bene, ma….. a me, sinceramente, non sembra, quest’anno ci sono state un’infinità di cadute, ma se questo è il parere generale dei piloti, io non posso che essere daccordo.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati