MotoGP Sepang, Warm Up: Vinales il più veloce, bene le Ducati, in difficoltà Rossi

Il pilota della Suzuki ha preceduto Iannone, Marquez e Dovizioso

MotoGP Sepang, Warm Up: Vinales il più veloce, bene le Ducati, in difficoltà RossiMotoGP Sepang, Warm Up: Vinales il più veloce, bene le Ducati, in difficoltà Rossi

GP Malesia MotoGP Warm Up – Il Warm Up della classe MotoGP sul circuito di Sepang (penultima tappa del motomondiale 2016, che si chiuderà il prossimo 13 novembre a Valencia) ha visto i piloti scendere in pista con pneumatici slick, questo nonostante alcune chiazze di bagnato, rimaste dopo la pioggia caduta nella notte.

Il nuovo asfalto rimane la grande incognita di questa gara, perchè se dovesse tornare a piovere, il nuovo manto stradale, nonostante il forte grip, lascia ampie zone di bagnato pericolose per le due ruote, anche una volta asciugato dalle elevate temperature malesi.

Il più veloce di questa ultima sessione che precede la gara, che prenderà il via alle ore 08:00 italiane, è stato Maverick Vinales, che ha fermato il cronometro sul tempo di 2:01.146.

Il pilota della Suzuki ha preceduto di soli 0.207s millesimi il rientrante Andrea Iannone, che a sua volta ha portato la sua Desmosedici GP davanti al campione del mondo Marc Marquez e al team-mate Andrea Dovizioso, con il forlivese che partirà dalla pole position.

Jorge Lorenzo ha fatto segnare il quinto tempo, mentre Valentino Rossi è solamente sedicesimo, dopo aver avuto un problema alla frizione della sua Yamaha M1.

Meglio di Rossi hanno fatto Cal Crutchlow, Danilo Petrucci, Pol Espargarò, Bradley Smith, Stefan Bradl, Alvaro Bautista, Scott Redding, Yonny Hernandez, Jack Miller ed Eugene Laverty.

Foto: Alex Farinelli

MotoGp Warm Up Phillip Island - GP Australia - I tempi


Pos Num Pilota Moto Team Tempo Gap

Risultati non ancora disponibili.


Phillip Island - GP Australia - Risultati Warm Up

Clicca qui per entrare nella sezione Risultati e vedere tutte le statistiche

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati