MotoGP Prove Libere Sepang: Andrea Dovizioso “Oggi si doveva girare il più possibile per capire tutte le novità”

Il forlivese chiude solo 15° le libere corse su uno dei suoi tracciati preferiti

MotoGP Prove Libere Sepang: Andrea Dovizioso “Oggi si doveva girare il più possibile per capire tutte le novità”MotoGP Prove Libere Sepang: Andrea Dovizioso “Oggi si doveva girare il più possibile per capire tutte le novità”

Andrea Dovizioso MotoGP Sepang Team Ducati – Andrea Dovizioso chiude solo 15° la prima giornata di libere a Sepang, al termine di due sessioni caratterizzate dai continui cambiamenti climatici. Il forlivese infatti più che sul time attack oggi è sceso in pista per cercare di capire le nuove condizioni del tracciato dopo i lavori che ci sono stati a Sepang che hanno portato un nuovo asfalto e modifiche nel banking di alcune curve. Ora vediamo domani che clima ci sarà, il forlivese qui, su uno dei tracciati che da sempre ama particolarmente, vuole dare il 100%, magari aggiungendosi al lungo elenco dei piloti che hanno vinto una gara quest’anno.

“Oggi più che cercare il tempo era importante fare più kilometri possibili – ha affermato Andrea Dovizioso – Si doveva girare perchè quando l’asfalto è nuovo devi sempre correrci su per capire come va. Certo adesso con la pioggia è abbastanza percioloso perchè non si vede dove è bagnato, essendo il tracciato molto scuro però il grip è davvero ottimo e poi era importante correre per prendere informazioni”

Con queste conidizioni qui può essere un idea correre con le rain?
“Le rain durano davvero poco, anche perchè se piove poco la pista con questo caldo asciuga rapidamente e quindi le gomme si distruggono. Miller e Crutchlow poi hanno fatto il tempo con le slick quindi vuol dire che funzionano bene anche in condizioni miste. Io ho girato con le intermedie che con queste condizioni vanno bene, però durano poco quindi per la gara sono inutilizzabili”

Foto: Alex Farinelli

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati